Altro

    Coronavirus: l’auto non parte perché sempre ferma? Ecco alcuni consigli per evitare sorprese

    Coronavirus: l'auto non parte perché sempre ferma? Ecco alcuni consigli per evitare sorpreseCoronavirus: l'auto non parte perché sempre ferma? Ecco alcuni consigli per evitare sorprese

    La sedentarietà fa male anche alle auto (e alle moto), non solo alle persone. Ormai è difficile sfuggire alla gravità della pandemia legata al Coronavirus. Mentre sempre più autorità locali e statali dicono a tutti di rimanere a casa, il traffico è diminuito al punto che si è verificata una significativa (anche se temporanea) riduzione dell’inquinamento atmosferico sulle principali città metropolitane mentre le persone rinunciavano al pendolarismo quotidiano.

    Con una riduzione di vetture in movimento, è facile dimenticare la propria auto. Proprio in queste occasioni non bisogna limitarsi a parcheggiare e mettere via le chiavi. Essere completamente sedentari fa male a un’auto, proprio come fa male agli umani. I seguenti suggerimenti potrebbero tornare utili e sono piuttosto semplici da attuare.

    Coronavirus: come non rischiare di restare a piedi con la macchina

    Il problema più immediato è quello di impedire alla batteria da 12 V dell’auto di “morire”. Dunque, è utile far funzionare il motore – e quindi l’alternatore – per almeno 20 minuti, una volta alla settimana, per evitare che l’auto non parta più. Ma far muovere la tua auto aiuterà anche a risolvere altri tipi di problemi. Oli, fluidi e lubrificanti circoleranno regolarmente con l’auto in movimento. I freni libereranno la loro “ruggine” superficiale e a lungo termine, si eviteranno problemi di lubrificazione dell’intera meccanica.

    Per le persone che hanno solo una macchina in casa, è probabilmente un consiglio che non è necessario, perché a un certo punto tutti devono uscire a fare la spesa. Anche se si ha un veicolo elettrico a batteria che viene collegato ad una presa in garage, dovrebbe essere acceso settimanalmente, in quanto anche alcuni BEV scaricheranno le batterie a 12V se lasciati inattivi per troppo tempo.

    Pulizia interni ai tempi del Coronavirus
    Pulizia interni ai tempi del Coronavirus

    Pulire gli interni può tornare utile

    Mantenere pulito l’esterno di un’auto è una parte importante della protezione della sua vernice, ma non bisogna dimenticare gli interni, in particolare perché è possibile trovare la maggior parte delle superfici che sono a contatto con una persona.

    Tutti sembrano aver capito che l’etanolo semplice è la cosa migliore da usare per pulire e disinfettare gli interni di un’auto. Una soluzione al 70% di alcool isopropilico (noto anche come alcool per frizionare) e acqua dovrebbe tornare utile allo scopo.

    Mescolare la soluzione di etanolo, usare un flacone spray e un panno in microfibra pulito per pulire tutte le superfici, quindi non dimenticare di lavare il panno in microfibra in seguito. Si dovrebbe essere in grado di utilizzare l’etanolo in modo sicuro con quasi tutte le superfici di un’auto, dalla pelle e al tessuto, ai display, anche se forse non in pelle scamosciata sintetica o naturale. Non bisogna utilizzare prodotti contenenti candeggina, acqua ossigenata o ammoniaca, poiché possono rovinare la tappezzeria e i vari rivestimenti.

    Coronavirus: cosa fare se l’auto non viene presa per settimane?

    Se si pensa di non utilizzare l’auto per diverse settimane, ci sono alcuni semplici passaggi che puoi prendere per tirare al meglio. Dare una buona pulita dentro e fuori è il primo di questi. È consigliato mettere una copertura resistente alle intemperie sull’auto se bisogna riporla all’aperto. Alcuni OEM consigliano di cambiare preventivamente l’olio se si ritiene che il veicolo non camminerà su strada per più di un mese, e anche se non sarà così, è una buona idea riempire il serbatoio un’ultima volta, insieme ad alcuni stabilizzatori di carburante.

    Coronavirus: batterie auto scariche
    I dispositivi per ricaricare le batterie da 12V

    Se si vuole tenere ferma l’auto più di un mese, si può, in alternativa, utilizzare dei dispositivi appositi per ricaricare la batteria a 12 V per evitare che si scarichi. Un’alternativa più economica è semplicemente scollegare la batteria dall’auto, anche se attenzione: questo potrebbe confondere alcuni dei sistemi elettronici delle auto di ultima generazione nel momento in cui la si va a ricollegare. Un ultimo consiglio sarebbe quello di investire in un set di cavalletti in modo da poter rimuovere del tutto le ruote. Si tratta di una pratica utile per salvaguardare gli pneumatici.

    L’articolo Coronavirus: l’auto non parte perché sempre ferma? Ecco alcuni consigli per evitare sorprese sembra essere il primo su VehicleCuE.

    Share

    NEL MONDO
    62,053,970
    Casi totali confermati
    Updated on 28 November 2020 10:37
    All countries
    1,450,271
    Morti totali
    Updated on 28 November 2020 10:37

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    1,538,217
    Casi totali confermati
    Updated on 28 November 2020 10:37
    Italy
    696,647
    Guariti totali
    Updated on 28 November 2020 10:37
    Italy
    787,893
    Attuali positivi totali
    Updated on 28 November 2020 10:37
    Italy
    53,677
    Morti totali
    Updated on 28 November 2020 10:37

    Ultimi articoli

    Alghe stampate in 3D come generatori di ossigeno per i tessuti umani

    A partire dall’uomo nel suo complesso alla più piccola cellula che lo compone, la vita è possibile solo in presenza di un’adeguata quantità di...

    Scoperto un inibitore che potrebbe bloccare la replicazione di SARS-CoV-2

    Quante volte in questi mesi abbiamo sentito che aziende e gruppi di ricerca stavano lavorando ad un antivirale specifico contro il SARS-CoV-2? Ovviamente e,...

    Alla ricerca del moto perpetuo: il Santo Graal per molti studiosi

    La realizzazione della macchina a moto perpetuo ha attirato la curiosità di molti studiosi, diventando un vero e proprio rompicapo. La tenacia e la...

    Cure e vaccini

    Alghe stampate in 3D come generatori di ossigeno per i tessuti umani

    A partire dall’uomo nel suo complesso alla più piccola cellula che lo compone, la vita è possibile solo in presenza di un’adeguata quantità di...

    Alla ricerca del moto perpetuo: il Santo Graal per molti studiosi

    La realizzazione della macchina a moto perpetuo ha attirato la curiosità di molti studiosi, diventando un vero e proprio rompicapo. La tenacia e la...

    Alzheimer e Sindrome di Down, una triste relazione

    La presenza di un cromosoma in più comporta spesso rischi e limitazioni a livello corporeo per tutti i soggetti con Sindrome di Down. Tra...

    Morto Maradona: ad ucciderlo un arresto cardiorespiratorio

    Una notizia che non avremmo mai voluto ricevere quella di questo pomeriggio: Diego Armando Maradona è morto all’età di 60 anni in seguito ad...

    Pompei: ritrovati due corpi intatti, di chi si tratta?

    Come abbiamo letto sui libri e molto probabilmente studiato a scuola, nel 79 d.C. l’eruzione del Vesuvio provocò la completa distruzione delle città di...

    Aggressione con acido: come soccorrere la vittima?

    In una società all’avanguardia, che si evolve velocemente, facendosi portavoce di valori come l’uguaglianza dei diritti degli esseri umani, e che si serve di...

    Articoli correlati

    Alghe stampate in 3D come generatori di ossigeno per i tessuti umani

    A partire dall’uomo nel suo complesso alla più piccola cellula che lo compone, la...

    Scoperto un inibitore che potrebbe bloccare la replicazione di SARS-CoV-2

    Quante volte in questi mesi abbiamo sentito che aziende e gruppi di ricerca stavano...

    Alla ricerca del moto perpetuo: il Santo Graal per molti studiosi

    La realizzazione della macchina a moto perpetuo ha attirato la curiosità di molti studiosi,...

    Alzheimer e Sindrome di Down, una triste relazione

    La presenza di un cromosoma in più comporta spesso rischi e limitazioni a livello...