Altro

    Coronavirus, F1: piloti positivi al test? Gare non cancellate

    Coronavirus F1: le gare si faranno anche con un positivo ai test

    Chase Carey, CEO di Formula 1, afferma che una gara non verrebbe annullata se un pilota o un membro del team risultasse positivo al nuovo coronavirus. Martedì la F1 ha annunciato una prima parte del calendario per la stagione 2020, fortemente ritardata, che avrà inizio con il Gran Premio d’Austria il 5 luglio, il primo degli otto round europei che si terranno nei prossimi tre mesi. Nel mese di marzo, un membro della Scuderia McLaren era risultato positivo al Covid-19, e la squadra aveva deciso di ritirarsi dal Gran Premio d’Australia ancora prima che fosse cancellato ufficialmente dai vertici della categoria automobilistica. Ma Carey ha insistito sul fatto che da Melbourne sono state apprese lezioni e che sono stati messi in atto protocolli rigorosi per garantire che anche se un membro del team di un pilota si ammalasse, ciò non comporterebbe l’arresto di un evento.

    Un individuo che è stato trovato con un’infezione positiva non porterà ad una cancellazione di una gara“, ha detto Carey. “Incoraggiamo i team a mettere in atto procedure, quindi se un individuo deve essere messo in quarantena, abbiamo la possibilità di metterlo in quarantena in un hotel e sostituirlo. I ‘se’ sono troppi per avere un piano che li preveda tutti, ma una squadra che non è in grado di correre non comporta l’annullamento di una gara. Non credo di potermi sedere qui e spiegarne le conseguenze. Ma avremo una procedura in atto che la positività all’infezione non porterà a una cancellazione. Se un pilota dovesse risultare positivo, i team hanno i piloti di riserva“.

    Paddock Formula 1

    Coronavirus in Formula 1: l’intervista al CEO della F1

    Non andremmo avanti se non fossimo estremamente sicuri di disporre delle procedure, delle competenze e delle capacità necessarie per fornire un ambiente sicuro e gestire qualsiasi problema si presenti.” La Formula 1 ha in programma di operare all’interno di una “biosfera” controllata in occasione degli eventi per garantire che il personale sia tenuto al sicuro e isolato dalla comunità locale. Le misure delineate, che includono l’esecuzione di test per il coronavirus ogni due giorni, sono state approvate da tutte e 10 le squadre. Carey ha sottolineato che un “insieme rigoroso di linee guida” ha lasciato la F1 e la FIA preparata ad affrontare in modo appropriato un possibile focolaio di coronavirus nel paddock.

    Certamente la FIA merita un’enorme quantità di credito in questo processo“, ha spiegato. “In molti modi hanno guidato questo processo in termini di problemi di salute e sicurezza. Abbiamo collaborato con una serie di esperti esterni. Esiste una serie rigorosa di linee guida, di circa 80-90 pagine, che includeranno tutto, dal come viaggiare, a quali sono le procedure per andare in hotel, a quali sono i processi da attuare in pista, per i pasti, per andare in bagno e per effettuare i test. Faremo dei test prima di andare lì, e ci saranno test ogni due giorni. Riconosciamo che esiste la possibilità, quindi siamo pronti ad affrontarla in modo adeguato, se troviamo un’infezione positiva. Stiamo lavorando per mettere in atto capacità di tracciamento, abbiamo due diverse opzioni di tracciamento“.

    L’articolo Coronavirus, F1: piloti positivi al test? Gare non cancellate sembra essere il primo su VehicleCuE.

    Share

    NEL MONDO
    101,441,177
    Casi totali confermati
    Updated on 28 January 2021 06:58
    All countries
    2,184,283
    Morti totali
    Updated on 28 January 2021 06:58

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    2,501,147
    Casi totali confermati
    Updated on 28 January 2021 06:58
    Italy
    1,936,289
    Guariti totali
    Updated on 28 January 2021 06:58
    Italy
    477,969
    Attuali positivi totali
    Updated on 28 January 2021 06:58
    Italy
    86,889
    Morti totali
    Updated on 28 January 2021 06:58

    Ultimi articoli

    Morbo di K: l’epidemia che salvò gli ebrei dalla persecuzione

    E’ ormai passato un anno dallo scoppio della pandemia da coronavirus, ed è con l’avvicinarsi della Giornata della Memoria che abbiamo pensato di raccontare...

    Suicidio di Robin Williams: una forma di demenza dietro la sua morte

    Robin Williams, stimato attore, lo ricordiamo tutti per le sue splendide interpretazioni: dal più classico Jumanji, a L’uomo bicentenario, al divertentissimo Mrs Doubtfire. Il...

    The Breath: il tessuto che neutralizza il virus

    Si chiama The Breath e si tratta di un tessuto high-tech progettato per ripulire l’aria che respiriamo da agenti batterici o inquinanti. Come? Funziona...

    Cure e vaccini

    Morbo di K: l’epidemia che salvò gli ebrei dalla persecuzione

    E’ ormai passato un anno dallo scoppio della pandemia da coronavirus, ed è con l’avvicinarsi della Giornata della Memoria che abbiamo pensato di raccontare...

    Suicidio di Robin Williams: una forma di demenza dietro la sua morte

    Robin Williams, stimato attore, lo ricordiamo tutti per le sue splendide interpretazioni: dal più classico Jumanji, a L’uomo bicentenario, al divertentissimo Mrs Doubtfire. Il...

    Feedback sensoriale integrato nelle protesi: perché può aiutare

    Chi non indossa una protesi potrebbe chiedersi come “sente” un amputato il nuovo arto artificiale e come si adatti ad esso. Sicuramente non è...

    Osservato nuovo stato della materia grazie alla vite “quantistica” di Archimede

    I ricercatori della Stanford University, negli Stati Uniti, hanno osservato un nuovo stato della materia al lavoro, presente all’interno di un filo sfuggente di...

    Torino: ricostruzione volto 3D con pianificazione chirurgica virtuale

    Intervento straordinario quello eseguito nei giorni scorsi presso l’ospedale CTO della Città della Salute di Torino, dove un ragazzo di 23 anni con un...

    Diamante: da pietra preziosa a materiale per l’industria

    Cos’è il diamante? Ve lo siete mai chiesto? Un materiale tanto iconico nel mondo della gioielleria e del lusso quanto sconosciuto ai molti nel...

    Articoli correlati

    Morbo di K: l’epidemia che salvò gli ebrei dalla persecuzione

    E’ ormai passato un anno dallo scoppio della pandemia da coronavirus, ed è con...

    Suicidio di Robin Williams: una forma di demenza dietro la sua morte

    Robin Williams, stimato attore, lo ricordiamo tutti per le sue splendide interpretazioni: dal più...

    The Breath: il tessuto che neutralizza il virus

    Si chiama The Breath e si tratta di un tessuto high-tech progettato per ripulire...

    Feedback sensoriale integrato nelle protesi: perché può aiutare

    Chi non indossa una protesi potrebbe chiedersi come “sente” un amputato il nuovo arto...