Altro

    Immuni: l’app è già disponibile al download

    È arrivato l’ok dal Garante della privacy per l’App Immuni. Infatti, il sito dell’applicazione è online ed è già possibile scaricare l’app direttamente dall’App Store e dal Play Store, mentre AppGallery dovrà ancora aspettare.

    “Sulla base della valutazione d’impatto trasmessa dal Ministero, il trattamento di dati personali effettuato nell’ambito del Sistema può essere considerato proporzionato, essendo state previste misure volte a garantire in misura sufficiente il rispetto dei diritti e le libertà degli interessati, che attenuano i rischi che potrebbero derivare da trattamento”, si legge sul sito del Garante per la protezione dei dati personali.

    Immuni: niente dati personali

    Niente nome e cognome, numero di telefono o indirizzo di posta elettronica personale. Nemmeno sarà necessario la localizzazione o gli spostamenti, tanto meno i dati delle proprie conoscenze.

    Come tiene a precisare il sito di Immuni, il sistema si basa sulla tecnologia Bluetooth Low Energy e non utilizza alcun tipo di geolocalizzazione, compresi i dati GPS. L’app non raccoglie, dato che non può, dati che identificano l’utente, come nome, data di nascita, indirizzo, numero di telefono o indirizzo e-mail. Pertanto, Immuni è in grado di determinare che il contatto ha avuto luogo tra due utenti senza sapere chi sono e dove si è verificato il contatto.

    Il codice è open-source ed è disponibile su GitHub. Sappiamo anche la licenza: GNU Affero General Public License versione 3. Per quanto riguarda il consumo di batteria, non si dovrebbero notare variazioni significative nella sua durata. Inoltre, “la conservazione degli indirizzi Ip dei cellulari dovrà essere commisurata ai tempi strettamente necessari per il rilevamento di anomalie e di attacchi”, come sostiene il comunicato rilasciato dalle Autorità.

    “Immuni non richiede una connessione a Internet continuativa. Tuttavia, l’app ha bisogno di connettersi almeno una volta al giorno per scaricare le informazioni necessarie a controllare se sei stato esposto a utenti potenzialmente contagiosi. Pertanto, assicurati che il tuo smartphone sia connesso a Internet almeno una volta al giorno.”

    Secondo l’AGI, la sua sperimentazione comincerà il 5 giugno in 4 regioni: Puglia, Abruzzo, Marche e Liguria. Nel resto d’Italia l’app potrà essere scaricata ma il contact tracing non funzionerà. Sarà responsabilità del Ministero della Salute la gestione della fase di sperimentazione.

    L’articolo Immuni: l’app è già disponibile al download proviene da TechCuE.

    Share

    NEL MONDO
    548,935,393
    Casi totali confermati
    Updated on 27 June 2022 03:32
    All countries
    6,350,765
    Morti totali
    Updated on 27 June 2022 03:32

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    18,234,242
    Casi totali confermati
    Updated on 27 June 2022 03:32
    Italy
    17,332,700
    Guariti totali
    Updated on 27 June 2022 03:32
    Italy
    733,440
    Attuali positivi totali
    Updated on 27 June 2022 03:32
    Italy
    168,102
    Morti totali
    Updated on 27 June 2022 03:32

    Ultimi articoli

    Cure e vaccini

    Articoli correlati

    Vitamina D e osteoporosi in età pediatrica

    Si parla spesso di osteoporosi e carenza di vitamina D, ma attenzione a non...

    Prodotti cosmetici per la cura della pelle? Meglio in farmacia!

    L’obiettivo dei prodotti cosmetici? Coniugare salute e bellezza, due fattori che si trovano ad...

    Necrobotica: ragni morti trasformati in robot

    Attraverso un esperimento tanto inquietante quanto sorprendente, un team di scienziati ha letteralmente rianimato...

    Genoma: ‘vernice spray’ mette in evidenza la materia oscura

    Gli studi attuali cercano di identificare il ruolo delle migliaia di proteine presenti ​​nel corpo...