Altro

    Plasma-terapia e covid19: i risultati ottenuti in Italia relativi a questa cura. Burioni: “avevo ragione!”

    Burioni conflitto di interessi le iene accuse

    Qualche settimana fa, Le Iene hanno accusato il famoso virologo Roberto Burioni di avere conflitti di interesse relativamente alle cure del covid19. Il virologo sosteneva (e sostiene), infatti, che la plasma-terapia (o plasma iperimmune) potesse essere una soluzione valida, ma entro certi limiti, considerando i rischi e le complicazioni che essa può portare con sé in generale e nella cura del covid19. Burioni, essendo da sempre interessato agli anticorpi monoclonali (cioè anticorpi prodotti da un solo tipo di cellula immunitaria, che possono essere creati in laboratorio) e indicandoli come possibile soluzione al covid19, potrebbe suscitare in alcuni il dubbio che abbia un conflitto d’interesse. In un lungo post su Facebook, sulla sua pagina “Medical Facts di Roberto Burioni“, annuncia che sono stati pubblicati i risultati dello studio sulla plasma-terapia contro il covid19, firmati anche dal dottor Giuseppe De Donno, intervistato durante il succitato servizio, condotto da Le Iene.

    I risultati dello studio sull’efficacia della plasma-terapia

    Il virologo Burioni aveva suscitato molto scalpore per le sue dichiarazioni a proposito della plasma-terapia. Egli, infatti, in un video esplicativo sul suo sito Medical Facts aveva esposto i pro e i contro della plasma-terapia, in particolare ha spiegato che:

    • la preparazione del plasma per una trasfusione non è economica: il plasma deve essere pulito e reso idoneo all’iniezione in un paziente;
    • il plasma può contenere ulteriori virus che potremmo ancora non conoscere;
    • non è una cura sempre efficace: funzionò per la difterite e l’epatite sia A che B, ma non ebbe successo con HIV ed epatite C, dunque, non rappresenta una certezza assoluta;
    • la cura con plasma iperimmune non stimola il nostro sistema immunitario a produrre anticorpi, bensì sfrutterebbe quelli introdotti da tale cura, i quali, a volte agiscono contro le cellule “buone” del nostro organismo, determinando complicazioni, come sindromi che interessano i polmoni.

    Dallo studio, emerge che alcuni punti sostengono la tesi del professor Burioni. Su 46 pazienti affetti da covid19 trattati con plasma, 4 hanno avuto complicazioni, tra cui grave insufficienza polmonare causata dalla somiministrazione del siero; 3 pazienti sono morti (6,5%), comunque inferiore alla statistica che prevedeva un tasso di mortalità pari al 15%, nonostante la somministrazione di plasma; 26/30 hanno avuto necessità della respirazione assistita da ventilatore e 3/7 sono stati estubati.

    plasma terapia covid19 burioni

    Perché Burioni si sofferma sulla firma di Giuseppe De Donno

    Nel servizio de Le Iene, il dottor Giuseppe De Donno era stato intervistato da la iena Alessandro Politi che gli ha rivolto domande relative ai costi di produzione del plasma, sottolineando che il virologo Burioni aveva in precedenza sostenuto che il trattamento del siero, avrebbe richiesto un’ingente spesa economica. Il dottor De Donno, che ha firmato il presente studio, nel servizio ha affermato: “Noi siamo un ente pubblico, non è che dobbiamo far mercato. Il donatore ci dona il suo plasma gratuitamente e noi dobbiamo metterci la sacca di vinile, il procedimento di sterilizzazione o di analisi virale o molecolare, la stessa che facciamo per le altre donazioni, però il costo è quello: 80€ a sacca. […] Il rischio infettivo è di 1 a 20 milioni, praticamente inesistente”. Dunque, le parole del Dottor De Donno erano in contrasto con le tesi esposte dal virologo Burioni, motivo per cui, quest’ultimo ha potuto sottolineare nel suo post su Facebook l’attendibilità e veridicità dello studio e delle sue parole relative alla plasma-terapia. Non tutti i punti hanno appoggiato le parole del virologo, solo in parte. Scientificamente, però, siamo molto soddisfatti dei risultati dello studio, poiché apre la strada a futuri sviluppi. Gli studiosi degli ospedali di Pavia e Mantova del lavoro scientifico condotto, concludono scivendo. “Questo è uno studio volto alla dimostrazione del concetto alla base della terapia, quindi questi dati non devono essere sovrainterpretati e l’efficacia non può essere ancora affermata.”

    L’articolo Plasma-terapia e covid19: i risultati ottenuti in Italia relativi a questa cura. Burioni: “avevo ragione!” sembra essere il primo su BiomedCuE.

    Share

    NEL MONDO
    19,997,636
    Casi totali confermati
    Updated on 10 August 2020 00:42
    All countries
    733,124
    Morti totali
    Updated on 10 August 2020 00:42

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    250,566
    Casi totali confermati
    Updated on 10 August 2020 00:42
    Italy
    202,098
    Guariti totali
    Updated on 10 August 2020 00:42
    Italy
    13,263
    Attuali positivi totali
    Updated on 10 August 2020 00:42
    Italy
    35,205
    Morti totali
    Updated on 10 August 2020 00:42

    Ultimi articoli

    Il blocco dei licenziamenti uccide la libertà d’impresa

    Il blocco dei licenziamenti è il nuovo terreno di gioco del governo: libertà d’impresa vs dignità umana? Il nodo centrale del dl Agosto: il blocco...

    Termometri laser per la rivelazione della temperatura corporea

    Articolo a cura di Valentina Dentato. I termometri laser o termoscanner sono strumenti per la misurazione della temperatura di un oggetto a distanza, evitando in...

    Approfondimento caso Beirut, nitrato d’ammonio: cosa è e come si usa

    Le esplosioni a Beirut di ieri 4 agosto, hanno causato lo sfollamento di oltre 300mila persone e danni per minimo 3 miliardi di dollari,...

    Cure e vaccini

    Approfondimento caso Beirut, nitrato d’ammonio: cosa è e come si usa

    Le esplosioni a Beirut di ieri 4 agosto, hanno causato lo sfollamento di oltre 300mila persone e danni per minimo 3 miliardi di dollari,...

    Beirut: violente esplosioni al porto, cosa è successo davvero? Facciamo chiarezza

    Nel pomeriggio di ieri 4 agosto, due violentissime esplosioni con impressionanti onde d’urto hanno scosso Beirut. Nella zona portuale della capitale libanese, secondo i...

    Puntura di medusa? Si può prevenire! Ecco cosa fare

    Seppur ancora con il pensiero al COVID-19, l’estate 2020 esiste ed è movimentata come sempre. La meta preferita dalla maggior parte degli italiani è,...

    Bologna e le misure anti-Covid-19: la città non dimentica, ma si adatta

    Da quando è terminata la quarantena, abbiamo analizzato e ridefinito secondo precisi criteri di fattibilità, ogni attività che comprendesse assembramenti o comunque un discreto...

    Interstellar, qual è il confine fra scienza e fantascienza?

    Uno dei capolavori del regista londinese Christopher Nolan è senza dubbio Interstellar, film fantascientifico del 2014. A differenza di molti altri film del genere,...

    Linfoma di Hodgkin: cos’è e come si cura

    Il linfoma di Hodgkin è un tumore maligno del sistema linfatico, ovvero quell’apparato che tra le sue funzioni ha quella di difendere l’organismo da...

    Articoli correlati

    Il blocco dei licenziamenti uccide la libertà d’impresa

    Il blocco dei licenziamenti è il nuovo terreno di gioco del governo: libertà d’impresa...

    Termometri laser per la rivelazione della temperatura corporea

    Articolo a cura di Valentina Dentato. I termometri laser o termoscanner sono strumenti per la...

    Approfondimento caso Beirut, nitrato d’ammonio: cosa è e come si usa

    Le esplosioni a Beirut di ieri 4 agosto, hanno causato lo sfollamento di oltre...

    Beirut: violente esplosioni al porto, cosa è successo davvero? Facciamo chiarezza

    Nel pomeriggio di ieri 4 agosto, due violentissime esplosioni con impressionanti onde d’urto hanno...