Altro

    McAfee arrestato: il fondatore dell’antivirus indossava un tanga come mascherina

    Avete presente l’Antivirus McAfee per Windows? È sicuramente uno dei più conosciuti, e l’omonimo fondatore è altrettanto famoso per la sua eccentricità. Tramite un tweet da lui pubblicato, siamo venuti a conoscenza dell’assurda vicenda di cui lui è protagonista: McAfee è stato arrestato perché indossava un tanga come mascherina.

    McAfee arrestato: un tanga come mascherina

    “Ho visitato la Catalogna prima che l’Europa proibisse i viaggi ai catalani. Ho provato a tornare in Germania e mi è stato vietato l’ingresso”, recita il suo tweet. Si trovava in Norvegia, in aeroporto, appena sceso dal suo jet privato quando le autorità lo hanno fermato perché il suo sistema di protezione personale non era del tutto appropriato.

    mcafee arrestato

    “Insisto, è la protezione più sicura che ho a disposizione e mi rifiuto di indossare altro”. Gli agenti non erano d’accordo, ed è così che McAfee è stato arrestato, per essere poi rilasciato qualche ora dopo. La storia è stata confermata anche dalla moglie, Janice, che appare anche in una delle foto che testimoniano la storia. 

    Un po’ di storia

    McAfee è un’azienda di sicurezza informatica con sede a Santa Clara, California, fondata, appunto, da John McAfee. Intel ha avuto la proprietà dell’azienda dal 2011 al 2017. Nel 2018 Intel ha ceduto delle quote, rimanendo con il 49% del capitale azionario di McAfee. L’altro 51 % è condiviso da TPG Capital Thoma Bravo. Mcafee è un competitor degli antiVirus Avira, Eset, F-Secure, Kaspersky, Panda Security, Sophos e Symantec tra gli altri.

    L’azienda proprietaria dell’Antivirus è stata creata nel 1987 con il nome di McAfee Associates. Non è riuscito a imporsi oltre il mercato statunitense fino alla fusione nel 1997 tra McAfee Associates e Network General, specializzata in analisi delle reti informatiche. Nei primi anni 2000, McAfee VirusScan contava circa 50 milioni di utenti registrati ed era il prodotto per eccellenza nel suo genere in ambiente OS/2 e Windows.

    Parlando un po’ John McAfee: è nato nel 1945 in una base militare americana ed è il creatore di uno degli antivirus più utilizzati al mondo, McAfee appunto. In questi anni ha conquistato anche un curriculum di rapporti con le forze dell’ordine piuttosto fitto: nel 2012 viene ricercato come “persona d’interesse” per l’omicidio del suo vicino di casa, in Belize. Viene poi rintracciato in Guatemala dove chiede asilo politico per poi rientrare nel Paese d’origine illegalmente, venendo però arrestato. Una volta è stato persino arrestato insieme a sua moglie in Repubblica Dominicana poiché sbarcati sull’isola con una barca carica di armi.

    L’articolo McAfee arrestato: il fondatore dell’antivirus indossava un tanga come mascherina proviene da TechCuE.

    Share

    NEL MONDO
    101,441,177
    Casi totali confermati
    Updated on 28 January 2021 06:58
    All countries
    2,184,283
    Morti totali
    Updated on 28 January 2021 06:58

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    2,501,147
    Casi totali confermati
    Updated on 28 January 2021 06:58
    Italy
    1,936,289
    Guariti totali
    Updated on 28 January 2021 06:58
    Italy
    477,969
    Attuali positivi totali
    Updated on 28 January 2021 06:58
    Italy
    86,889
    Morti totali
    Updated on 28 January 2021 06:58

    Ultimi articoli

    Morbo di K: l’epidemia che salvò gli ebrei dalla persecuzione

    E’ ormai passato un anno dallo scoppio della pandemia da coronavirus, ed è con l’avvicinarsi della Giornata della Memoria che abbiamo pensato di raccontare...

    Suicidio di Robin Williams: una forma di demenza dietro la sua morte

    Robin Williams, stimato attore, lo ricordiamo tutti per le sue splendide interpretazioni: dal più classico Jumanji, a L’uomo bicentenario, al divertentissimo Mrs Doubtfire. Il...

    The Breath: il tessuto che neutralizza il virus

    Si chiama The Breath e si tratta di un tessuto high-tech progettato per ripulire l’aria che respiriamo da agenti batterici o inquinanti. Come? Funziona...

    Cure e vaccini

    Morbo di K: l’epidemia che salvò gli ebrei dalla persecuzione

    E’ ormai passato un anno dallo scoppio della pandemia da coronavirus, ed è con l’avvicinarsi della Giornata della Memoria che abbiamo pensato di raccontare...

    Suicidio di Robin Williams: una forma di demenza dietro la sua morte

    Robin Williams, stimato attore, lo ricordiamo tutti per le sue splendide interpretazioni: dal più classico Jumanji, a L’uomo bicentenario, al divertentissimo Mrs Doubtfire. Il...

    Feedback sensoriale integrato nelle protesi: perché può aiutare

    Chi non indossa una protesi potrebbe chiedersi come “sente” un amputato il nuovo arto artificiale e come si adatti ad esso. Sicuramente non è...

    Osservato nuovo stato della materia grazie alla vite “quantistica” di Archimede

    I ricercatori della Stanford University, negli Stati Uniti, hanno osservato un nuovo stato della materia al lavoro, presente all’interno di un filo sfuggente di...

    Torino: ricostruzione volto 3D con pianificazione chirurgica virtuale

    Intervento straordinario quello eseguito nei giorni scorsi presso l’ospedale CTO della Città della Salute di Torino, dove un ragazzo di 23 anni con un...

    Diamante: da pietra preziosa a materiale per l’industria

    Cos’è il diamante? Ve lo siete mai chiesto? Un materiale tanto iconico nel mondo della gioielleria e del lusso quanto sconosciuto ai molti nel...

    Articoli correlati

    Morbo di K: l’epidemia che salvò gli ebrei dalla persecuzione

    E’ ormai passato un anno dallo scoppio della pandemia da coronavirus, ed è con...

    Suicidio di Robin Williams: una forma di demenza dietro la sua morte

    Robin Williams, stimato attore, lo ricordiamo tutti per le sue splendide interpretazioni: dal più...

    The Breath: il tessuto che neutralizza il virus

    Si chiama The Breath e si tratta di un tessuto high-tech progettato per ripulire...

    Feedback sensoriale integrato nelle protesi: perché può aiutare

    Chi non indossa una protesi potrebbe chiedersi come “sente” un amputato il nuovo arto...