Altro

    Mascherine e ambiente: dalla plastica nuovi biocombustibili

    mascherine, covid, ambiente, inquinamento, riciclo, plastica, biocombustile, biocarburante, petrolio, rifiuti, indifferenziata,riutilizzo, combustibili fossili, ricerca, università, Energy Close-up Engineering

    Le mascherine, insieme a tutti gli altri dispositivi di protezione, stanno generando un importante problema ambientale. Un gruppo di ricercatori della University of Petroleum and Energy Studies in India sta lavorando a un metodo di riciclo. Da esse sarà possibile ricavare un biocombustibile liquido.

    L’impatto ambientale dell’emergenza sanitaria

    Sono miliardi le mascherine utilizzate e gettate ogni giorno nel mondo. L’emergenza sanitaria da Covid-19 sta creando un problema parallelo legato allo smaltimento dei rifiuti prodotti. Tra essi, compaiono tutti quei dispositivi di protezione individuale che, poiché potenzialmente infetti, devono essere gettati nell’indifferenziata.

    Secondo le stime del WWF, il solo obbligo di mascherina nelle scuole, potrebbe portare a disperdere circa 270 tonnellate di rifiuti plastici entro la fine dell’anno scolastico. Per non parlare della restante parte della popolazione.

    Come sono fatte le mascherine chirurgiche?

    Le mascherine sono ormai un fondamentale strumento di protezione contro la pandemia in corso. Ma sappiamo davvero come sono fatte? Le chirurgiche, se realizzate nel rispetto della normativa UNI EN 14683:2019, sono costituite da:

    • uno strato di tessuto non tessuto.
    • Uno strato filtrante, di solito in polipropilene (polimero con il quale si realizzano diversi oggetti di uso comune, come i tappi delle bottiglie di plastica, le capsule del caffè, etc.); in alternativa si utilizza anche il poliestere, il polietilene o il policarbonato.
    • Un secondo strato di tessuto non tessuto.

    Il riciclo delle mascherine: polipropilene convertito il biocombustibile

    Secondo i ricercatori indiani, il polipropilene contenuto nelle mascherine chirurgiche potrebbe essere trasformato in un biocombustibile attraverso la pirolisi. Questo processo si realizza attraverso il riscaldamento del polimero a 300-400°C, in assenza di ossigeno. Grazie al calore, il materiale plastico di decompone. Il liquido così ottenuto, detto olio di pirolisi, è un combustibile sintetico utilizzabile in alternativa al petrolio.

    Forno di pirolisi, fonte directindustry.it

    La creazione di una risorsa grazie al riciclo

    Questo metodo di riciclo consente di affrontare nel contempo due dei principali rischi ambientali del momento. Infatti, non solo si riduce così l’impatto ambientale generato dall’enorme consumo di mascherine in tutto il mondo, ma nello stesso tempo si produce una fonte energetica con caratteristiche simili a quelle dei combustibili fossili.

    L’articolo Mascherine e ambiente: dalla plastica nuovi biocombustibili sembra essere il primo su EnergyCuE.

    Share

    NEL MONDO
    179,907,370
    Casi totali confermati
    Updated on 23 June 2021 02:49
    All countries
    3,897,223
    Morti totali
    Updated on 23 June 2021 02:49

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    4,254,294
    Casi totali confermati
    Updated on 23 June 2021 02:49
    Italy
    4,054,008
    Guariti totali
    Updated on 23 June 2021 02:49
    Italy
    72,964
    Attuali positivi totali
    Updated on 23 June 2021 02:49
    Italy
    127,322
    Morti totali
    Updated on 23 June 2021 02:49

    Ultimi articoli

    PNRR italiano, arriva l’approvazione della Commissione Europea

    Il grande giorno è arrivato. Finalmente, dopo mesi di lavoro e di trattative, la Commissione Europea ha approvato il Piano Nazionale di Ripresa e...

    Vaccino antitumorale: il via alla fase 2 della sperimentazione

    Il vaccino antitumorale rappresenterebbe un’ottima soluzione per sconfiggere il cancro senza danneggiare le cellule sane. Più in dettaglio si tratta di un vaccino contro...

    La scienza dietro lo sviluppo di app mobili: 7 cose che dovresti sapere

    Sviluppare la tua prima app mobile può essere sia stimolante che gratificante. Aspettati di imparare molto e di fare molti errori inaspettati. Ti sei...

    Cure e vaccini

    Vaccino antitumorale: il via alla fase 2 della sperimentazione

    Il vaccino antitumorale rappresenterebbe un’ottima soluzione per sconfiggere il cancro senza danneggiare le cellule sane. Più in dettaglio si tratta di un vaccino contro...

    La scienza dietro lo sviluppo di app mobili: 7 cose che dovresti sapere

    Sviluppare la tua prima app mobile può essere sia stimolante che gratificante. Aspettati di imparare molto e di fare molti errori inaspettati. Ti sei...

    National Geographic riconosce ufficialmente l’oceano Antartico

    Al contrario di quello che indica il nome del nostro pianeta madre, la superficie terrestre è principalmente ricoperta da acqua. Circa il 70 per...

    Qual è la tecnologia dietro l’apprendimento mobile?

    Qual è la scienza dietro l’apprendimento mobile? Attenzione: l’apprendimento mobile può creare dipendenza! Un’esagerazione, forse, ma con elementi aggiunti come la gamification, gli studenti possono sicuramente...

    Amazon Prime Day 2021: le offerte consigliate da ScienceCuE

    Come ogni anno è arrivato l’Amazon Prime Day: i due giorni dedicati alle offerte per i clienti Amazon Prime. Anche quest’anno le offerte sono...

    Le ragnatele possono fermare un Boeing 747 che viaggia a 320 km/h?

    La natura spesso ispira gli esseri umani a imitarne i concetti e dare vita a nuove invenzioni. Le ragnatele dei nostri amici a otto...

    Articoli correlati

    PNRR italiano, arriva l’approvazione della Commissione Europea

    Il grande giorno è arrivato. Finalmente, dopo mesi di lavoro e di trattative, la...

    Vaccino antitumorale: il via alla fase 2 della sperimentazione

    Il vaccino antitumorale rappresenterebbe un’ottima soluzione per sconfiggere il cancro senza danneggiare le cellule...

    La scienza dietro lo sviluppo di app mobili: 7 cose che dovresti sapere

    Sviluppare la tua prima app mobile può essere sia stimolante che gratificante. Aspettati di...

    National Geographic riconosce ufficialmente l’oceano Antartico

    Al contrario di quello che indica il nome del nostro pianeta madre, la superficie...