Altro

    Grande Barriera Corallina: è un deserto bianco. I danni sono irreversibili?

    Grande Barriera Corallina oggi

    Negli ultimi 25 anni è stata documentata la morte di oltre il 50% dei coralli della Grande Barriera Corallina australiana. Recentissimo lo studio della Royal Society, pubblicato sulla rivista Proceedings, che testimonia quanto questo delicato ecosistema marino stia accumulando danni irreversibili derivanti da antropizzazione e cambiamenti climatici correlati. Lo studio riporta numeri e dati qualitativi dei principali sbiancamenti avvenuti negli ultimi anni, confrontandoli con una linea di base storica del 1995-1996. I risultati, riassumendo, restituiscono un calo sia per quanto riguarda la diversificazione delle colonie che il loro numero. Le perdite fanno riferimento sia alla cresta del reef che ai versanti ed ai pendii, ad eccezione di un piccolo settore dell’estremo sud.

    Greenpeace, tragico il bilancio della situazione

    Reef prima e dopo, danni da sbiancamento, coralli morti
    Grande Barriera Corallina australiana prima (a destra) e dopo (a sinistra) Credits: Deejay

    Emblematici anche gli scatti del biologo e fotografo marino Brett Monroe Garner, per Greenpeace. Lo studioso, che per anni ha fotografato la stessa area della Grande Barriera Cotallina australiana, si dice sconcerto difronte alla situazione odierna. Nel documentario, circa il 100% dei coralli di quel settore appare totalmente sbiancato -e già aggredito dalle alghe esterne- probabilmente il maniera irreversibile.

    Grande Barriera Corallina
    Distesa di coralli sbiancati, probabilmente già morti, nella Grande Barriera Corallina, Australia.
    Credits: Greenpeace Australia, Brett Monroe Garner

    Già nel 2016 e nel 2017 sono stati registrati due inquietanti sbiancamenti della Grande Barriera Corallina, ma quello osservato attualmente appare senz’altro come il più tragico ed esteso. Purtroppo il fenomeno si è infatti aggravato negli anni, andando a colpire zone dove prima i coralli erano reputati sani. In particolare, i danni arrivano a toccare anche gli estremi del reef, da nord a sud, senza eccezioni degne di nota.

    James Cook University, sorvolare il reef per salvarlo

    Grande Barriera Corallina australiana
    Grande Barriera Corallina australiana, vista aerea.
    Credits: Phil Walter/Getty Images

    Il grido d’aiuto lanciato da Greenpeace chiaramente non è il solo. La James Cook University, centro di eccellenza per gli studi sulla Grande Barriera Corallina, ha condotto mesi di ricerche in proposito. In un solo anno, sorvolando intensamente porzioni estese del reef, i ricercatori hanno stimato numeri davvero preoccupanti riguardo la gravità dello sbiancamento. La ricerca ha messo in risalto come un quarto della Grande Barriera Corallina sia oramai sbiancato del tutto, e che il fenomeno si acutizza soprattutto nei dintorni delle coste, ovvero le aree più contaminate dall’uomo.

    Perché i coralli della Grande Barriera Corallina sbiancano?

    Il corallo, organismo formato da una colonia di polipi nella loro fase calcarea, è conosciuto ai più per il fantastico plateau di colori che può assumere. Queste pigmentazioni, sono causate dalle zooxanthellae, minuscole alghe unicellulari che alloggiano nei tessuti del corallo, a volte anche bioluminescenti.

    Ramo di corallo morto
    Ramo di madrepora. Macrofotografia di un ramo calcareo “morto” (disseccato) di una madrepora (Acropora sp.), tipico corallo biocostruttore, in cui si possono osservare gli alloggiamenti dei polipi della colonia (il ramo ha un diametro massimo di circa 20mm). Esemplare proveniente da Hembadoo Island, Maldive.
    Credits: paleoantropo.net

    In caso di forte stress ambientale, questo fantastico organismo risponde decolorandosi, dunque espellendo le zooxanthellae. Il problema risiede nel fatto che queste piccole alghe procurano al corallo il 90% delle risorse energetiche di cui esso necessita per vivere. Un esempio di stress che porta allo sbiancamento del corallo, è l’innalzamento delle temperature delle acque. Se questi sbalzi non perdurano, il corallo può riprendersi, ma se le temperature si mantengono più elevate del normale per troppo tempo, il corallo sbiancato e privato delle sue alghe muore “di stenti”.

    Grande Barriera Corallina, coralli in salute
    Coralli in salute, Grande Barriera Corallina australiana.
    Credits: Irina Markova / Shutterstock

    Il dibattito che imperversa nel campo del riscaldamento globale è sempre piuttosto acceso. Tuttavia, che sia questo fisiologico o meno, la Grande Barriera Corallina, così come altri ecosistemi marini e non, non sopravviverà a lungo a queste condizioni.

    Grande Barriera Corallina: è un deserto bianco. I danni sono irreversibili?

    CUE FACT CHECKING

    Share

    NEL MONDO
    43,761,833
    Casi totali confermati
    Updated on 27 October 2020 01:05
    All countries
    1,164,184
    Morti totali
    Updated on 27 October 2020 01:05

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    542,789
    Casi totali confermati
    Updated on 27 October 2020 01:05
    Italy
    268,626
    Guariti totali
    Updated on 27 October 2020 01:05
    Italy
    236,684
    Attuali positivi totali
    Updated on 27 October 2020 01:05
    Italy
    37,479
    Morti totali
    Updated on 27 October 2020 01:05

    Ultimi articoli

    Protesi vertebrale 3D restituisce il movimento a paziente tetraplegico

    Un intervento straordinario, che ha salvato un uomo di 44 anni dalla paralisi completa, grazie all’utilizzo di una particolare protesi vertebrale stampata in 3D,...

    Fibrosi cistica: “mi manca il respiro e il sudore è salato”

    Non ha nulla a che fare con Covid-19, perché è una patologia di origine genetica, eppure ci sono molte analogie. La fibrosi cistica è...

    ONU e l’impegno Agenda 2030, buoni propositi in 3D

    Giunti quasi alla fine del 2020, per tutti è arrivato il momento di fare i conti con i buoni propositi. Gli obbiettivi e le...

    Cure e vaccini

    Protesi vertebrale 3D restituisce il movimento a paziente tetraplegico

    Un intervento straordinario, che ha salvato un uomo di 44 anni dalla paralisi completa, grazie all’utilizzo di una particolare protesi vertebrale stampata in 3D,...

    Fibrosi cistica: “mi manca il respiro e il sudore è salato”

    Non ha nulla a che fare con Covid-19, perché è una patologia di origine genetica, eppure ci sono molte analogie. La fibrosi cistica è...

    ONU e l’impegno Agenda 2030, buoni propositi in 3D

    Giunti quasi alla fine del 2020, per tutti è arrivato il momento di fare i conti con i buoni propositi. Gli obbiettivi e le...

    Ecco perché le mascherine non sono nocive per la nostra salute

    Le mascherine chirurgiche sono il dispositivo di protezione individuale (DPI) maggiormente utilizzato dall’inizio dell’emergenza coronavirus. È un dispositivo usa e getta che crea una...

    Coronavirus: quanto resiste sullo schermo dello smartphone?

    Dall’inizio della pandemia che ha stravolto le nostre vite se ne sono dette di tutti i colori: dai metodi di trasmissione del coronavirus, ai...

    Nuovo dispositivo per diagnosi rapida del Covid 19: basta un solo respiro

    Direttamente dall’Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA) arriva un nuovo dispositivo che è in grado di rilevare...

    Articoli correlati

    Protesi vertebrale 3D restituisce il movimento a paziente tetraplegico

    Un intervento straordinario, che ha salvato un uomo di 44 anni dalla paralisi completa,...

    Fibrosi cistica: “mi manca il respiro e il sudore è salato”

    Non ha nulla a che fare con Covid-19, perché è una patologia di origine...

    ONU e l’impegno Agenda 2030, buoni propositi in 3D

    Giunti quasi alla fine del 2020, per tutti è arrivato il momento di fare...

    Ecco perché le mascherine non sono nocive per la nostra salute

    Le mascherine chirurgiche sono il dispositivo di protezione individuale (DPI) maggiormente utilizzato dall’inizio dell’emergenza...