Altro

    Lady Gaga e la sindrome da dolore cronico: il mistero della fibromialgia

    Lady Gaga soffre di fibromialgia

    La fibromialgia, o sindrome da dolore cronico, è una di quelle malattie dalle cause ancora sconosciute, ma che affligge tuttora circa 4 milioni di persone in Italia. Vediamo come riconoscerne i sintomi e quali sono le cure previste oggi, partendo dall’episodio di Lady Gaga, giunto alle cronache mondiali.

    Lady Gaga e la fibromialgia

    La celebre cantante Lady Gaga dopo anni di sofferenze è riuscita a dare una risposta al dolore cronico che tormentava le sue giornate. L’impatto della malattia nella vita professionale dell’artista non fu piacevole: dolore persistente, rigidità muscolare e disturbi del sonno sono solo pochi della grande varietà di sintomi che la fibromialgia comporta. È il 1 agosto 2017 quando a Vancouver inizia il Joanne World Tour, il sesto tour mondiale guidato da Lady Gaga che sarebbe dovuto concludersi il 18 dicembre 2018 a Inglewood (California). Le condizioni fisiche della cantante, tuttavia, non le permisero di sostenere i ritmi e la portata degli eventi, trovandosi costretta ad annullare gli ultimi 10 concerti europei.

    Credits: https://www.psicologiacontemporanea.it

    I sintomi della fibromialgia

    L’elemento che contraddistingue la fibromialgia dalle altre patologie reumatiche è l’assenza di un malfunzionamento fisiologico che giustifichi la sintomatologia dolorosa. Più precisamente, si tratta di un vero e proprio disturbo della percezione del dolore. La sintomatologia è multifattoriale:

    • dolore diffuso e persistente
    • astenia, dal greco ἀσθένεια asthèneia “mancanza di forza”
    • rigidità muscolare
    • parestesie (un esempio è il formicolio)
    • mal di testa
    • disturbi del sonno
    • fenomeno di Raynaud

    Il fatto che non vi sia alcuna alterazione fisica vanifica l’utilizzo di test e apparecchi per una diagnosi di tipo clinico, se non per escludere la presenza di altre patologie dai sintomi comuni. Per questo motivo, il paziente che si presenta dal medico sembra sano, nonostante fortemente limitato dal dolore nelle attività quotidiane. E’ facile percepire come il processo di diagnosi non sia per niente immediato, ma un processo lungo e frustrante nella maggioranza dei casi.

    Discriminante nell’identificazione della fibromialgia è la verifica dei cosiddetti tender points. In altre parole, essi sono punti elettivi per testare il dolore, finora ne sono stati evidenziati 18 dall’American College of Rheumatology nel 1990. Sono aree molto ristrette presenti nei muscoli, nelle inserzioni tendinee e prominenze ossee: effettuando una pressione nelle zone specifiche il soggetto fibromialgico prova dolore. La presenza di 11 punti dolenti su 18 determina la patologia. Vediamo dove sono posizionati simmetricamente nei due lati del corpo:

    • alla base del cranio
    • alla base del collo nella parte posteriore
    • sopra la spalla in direzione della parte posteriore
    • fra la clavicola e la spina dorsale
    • sulla cassa toracica
    • sulla parte esterna dell’avambraccio (sotto al gomito)
    • sopra l’anca
    • nella parte alta dei glutei
    • sul ginocchio lateralmente
    Credits: https://creakyjoints.org

    Il trattamento del dolore cronico

    La terapia adottata dal sistema sanitario è prevalentemente di tipo farmacologico, con l’affiancamento di terapie meno convenzionali come l’omeopatia o la riabilitazione per mantenere un tono muscolare adeguato. L’attività fisica, nonostante le iniziali difficoltà dovute al dolore delle fasce muscolari, è molto consigliata dai medici specialisti nella fibromialgia, così come un’alimentazione equilibrata. Al momento non esiste una cura universale e nemmeno una vera e propria guarigione. L’obiettivo primario è quello di ridurre la percezione del dolore il più possibile, in modo da garantire ai pazienti la miglior qualità della vita compatibilmente con la malattia. La terapia basata sui farmaci mira ad agire sul sistema nervoso centrale (SNC) e periferico (SNP) con antidepressivi, anticonvulsivanti, antiinfiammatori e paracetamolo, in modo da bloccare la trasmissione degli input ai centri di percezione del dolore. Trovare la giusta combinazione di farmaci che possano coesistere non è cosa semplice: lo scopo è raggiungere un equilibrio fisico e psichico che non consenta solo lo svolgimento delle attività quotidiane al soggetto fibromialgico, ma molto di più.

    L’educazione e la conoscenza della malattia sono alla base della strategia terapeutica. È importante che il paziente comprenda come la sindrome fibromialgica sia reale causa di dolori e stanchezza e debba essere affrontata con la stessa importanza di altre patologie croniche.

    L’articolo Lady Gaga e la sindrome da dolore cronico: il mistero della fibromialgia sembra essere il primo su BiomedCuE.

    CUE FACT CHECKING

    Share

    NEL MONDO
    42,441,198
    Casi totali confermati
    Updated on 24 October 2020 01:15
    All countries
    1,148,505
    Morti totali
    Updated on 24 October 2020 01:15

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    484,869
    Casi totali confermati
    Updated on 24 October 2020 01:15
    Italy
    261,808
    Guariti totali
    Updated on 24 October 2020 01:15
    Italy
    186,002
    Attuali positivi totali
    Updated on 24 October 2020 01:15
    Italy
    37,059
    Morti totali
    Updated on 24 October 2020 01:15

    Ultimi articoli

    Nanotubi di carbonio utilizzati come ponte per le lesioni spinali

    I ricercatori della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste, dell’Università di Trieste e del Centro de Investigación Cooperativa en Biomateriales CIC...

    Effetto Covid-19: la crisi del settore cosmetico stravolge il “Lipstick Index”

    Negli scorsi decenni si è molto discusso sul valore del “Lipstick Index” come indicatore i periodi di crisi. L’aumento delle vendite del settore cosmetico...

    Morto James Randi, l’illusionista che combatteva le bufale

    “An honest liar”, un onesto bugiardo. In molti lo conoscono così James Randi, illusionista e divulgatore che ha impiegato buona parte della sua carriera...

    Cure e vaccini

    Nanotubi di carbonio utilizzati come ponte per le lesioni spinali

    I ricercatori della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste, dell’Università di Trieste e del Centro de Investigación Cooperativa en Biomateriales CIC...

    Morto James Randi, l’illusionista che combatteva le bufale

    “An honest liar”, un onesto bugiardo. In molti lo conoscono così James Randi, illusionista e divulgatore che ha impiegato buona parte della sua carriera...

    Tumore al colon-retto: un nuovo mix di farmaci ne rallenta la crescita

    Quello al colon-retto è uno dei tumori più diffusi nel mondo occidentale. Si tratta di una neoplasia abbastanza aggressiva, che colpisce persone tra i...

    Dinosauri, scoperte le cause della loro ascesa sulla Terra

    Ad oggi, chi parla di cambiamenti climatici volge l’attenzione a piani politico-economici e dibattiti internazionali sulla necessità di ridurne le varie cause, come le...

    Proprietà dell’olio di CBD

    Il CBD è uno dei diversi composti, noti come cannabinoidi, presenti nelle piante di canapa e cannabis. In particolare, il CBD è la seconda...

    Zipf e la frequenza dei fenomeni, una danza non casuale

    L’analisi statistica è una chiave d’interpretazione fondamentale per la realtà insidiosa e affascinante in cui viviamo. Permette di ampliare il nostro sguardo ed osservare...

    Articoli correlati

    Nanotubi di carbonio utilizzati come ponte per le lesioni spinali

    I ricercatori della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste, dell’Università di...

    Effetto Covid-19: la crisi del settore cosmetico stravolge il “Lipstick Index”

    Negli scorsi decenni si è molto discusso sul valore del “Lipstick Index” come indicatore...

    Morto James Randi, l’illusionista che combatteva le bufale

    “An honest liar”, un onesto bugiardo. In molti lo conoscono così James Randi, illusionista...

    Tumore al colon-retto: un nuovo mix di farmaci ne rallenta la crescita

    Quello al colon-retto è uno dei tumori più diffusi nel mondo occidentale. Si tratta...