Altro

    Nuovo dispositivo per diagnosi rapida del Covid 19: basta un solo respiro

    respiro covid 19 dispositivo enea italia diagnosi rapida breath test

    Direttamente dall’Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA) arriva un nuovo dispositivo che è in grado di rilevare la presenza di carica virale del Covid 19 nel respiro.

    L’idea non è quella di sostituire i classici strumenti di diagnosi come il test molecolare (tampone nasofaringeo), che continua a essere l’unico metodo affidabile per essere certi dell’eventuale positività al Covid 19, ma l’obiettivo è quello di affiancarlo come test diagnostico rapido e non invasivo su grandi numeri di popolazione con la prospettiva che sarà utilizzabile da personale non specializzato e potrà essere impiegato per rilevare la presenza altri agenti patogeni, cambiando semplicemente ‘esca’ e marca

    Basta un respiro per sapere se sei positivo al Covid 19

    Schema di funzionamento del dispositivo

    Dispositivi che si basano sul test del respiro (breath test) già li conosciamo, un esempio è l’etilometro che misura la concentrazione di alcol nel sangue attraverso l’aria espirata dai polmoni, perciò perché non si potrebbe pensare ad utilizzarli anche per scovare il Covid 19? L’ipotesi di base è quella di utilizzare le goccioline (droplet) presenti nel respiro, da cui tanto ci proteggiamo attraverso le mascherine.

    Dunque, il dispositivo si chiama “AsDECO” (Asymptomatic DEtection COronavirus), ha dimensioni paragonabili a uno smartphone ed è collegato a un tubo nel quale il soggetto dovrà soffiare, l’eventuale presenza di Covid 19 nel respiro induce nel sensore un cambiamento sulla luce riflessa, individuata attraverso algoritmi identificativi che permettono una risposta in tempi rapidi senza l’utilizzo di reagenti.

    Quindi, il meccanismo alla base è che le proteine (non solo quelle virali) presentano intrinsecamente dei marcatori naturali fluorescenti per cui, se colpite da fasci di luce alla giusta lunghezza d’onda, “rispondono” emettendo fasci luminosi caratteristici perciò, l’eventuale presenza o meno del Sars-Cov2 influenza queste manifestazioni di luce rilevabili dal sensore elettro-ottico. Ovviamente questo avviene nel giro di poco tempo, si stimano risultati attendibili entro 10 – 15 minuti.  

    I vantaggi di un dispositivo del genere sono molteplici: è riutilizzabile e l’assenza di reagenti rende più snello e veloce l’utilizzo, permettendo di effettuare screening su un ampio numero di persone in ambienti come, ad esempio, scuole e aeroporti per individuare, in particolare, i casi asintomatici che hanno un ruolo non indifferente nella trasmissione del Covid 19.

    Il dispositivo non è ancora in commercio ma Antonia Lai, ricercatrice del Laboratorio Diagnostiche e Metrologia presso il Centro Ricerche ENEA di Frascati, spiega che “Stiamo lavorando a pieno ritmo per realizzare entro pochi mesi il primo sensore. La sperimentazione sul campo partirà una volta conclusa la parte di laboratorio e sarà gestita da strutture sanitare e ospedali, con i quali stiamo avviando accordi di collaborazione”.

    Gli strumenti per combattere il Covid 19: breve recap

    Oltre al tampone naso-faringeo classico il cui esito arriva dopo 24 – 48 ore, abbiamo il tampone rapido (test antigenico) che individua le componenti proteiche del virus su un campione naso-faringeo consentendo un risultato più rapido (circa 30 minuti) e perciò utilizzato nelle postazioni drive – in vicino agli ospedali ma meno affidabile rispetto al tampone molecolare però rimane un utile strumento come primo screening.

    In aggiunta abbiamo a nostra disposizione il test sierologico o immunologico che rileva, con un prelievo di sangue, se si è entrati in contatto con il virus, ma non se è in atto un’infezione allo stato precoce e infine il test salivare, che però si presta difficilmente allo screening di massa in quanto richiede comunque un laboratorio attrezzato a supporto.

    L’articolo Nuovo dispositivo per diagnosi rapida del Covid 19: basta un solo respiro sembra essere il primo su BiomedCuE.

    Share

    NEL MONDO
    62,084,910
    Casi totali confermati
    Updated on 28 November 2020 11:38
    All countries
    1,451,167
    Morti totali
    Updated on 28 November 2020 11:38

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    1,538,217
    Casi totali confermati
    Updated on 28 November 2020 11:38
    Italy
    696,647
    Guariti totali
    Updated on 28 November 2020 11:38
    Italy
    787,893
    Attuali positivi totali
    Updated on 28 November 2020 11:38
    Italy
    53,677
    Morti totali
    Updated on 28 November 2020 11:38

    Ultimi articoli

    Effetto Forer e convalida soggettiva: ecco perché crediamo all’oroscopo

    Vi è un meccanismo cognitivo nella psicologia sociale secondo cui un individuo è in grado di riconoscersi in descrizioni altamente generiche e universali. Se...

    Alghe stampate in 3D come generatori di ossigeno per i tessuti umani

    A partire dall’uomo nel suo complesso alla più piccola cellula che lo compone, la vita è possibile solo in presenza di un’adeguata quantità di...

    Scoperto un inibitore che potrebbe bloccare la replicazione di SARS-CoV-2

    Quante volte in questi mesi abbiamo sentito che aziende e gruppi di ricerca stavano lavorando ad un antivirale specifico contro il SARS-CoV-2? Ovviamente e,...

    Cure e vaccini

    Effetto Forer e convalida soggettiva: ecco perché crediamo all’oroscopo

    Vi è un meccanismo cognitivo nella psicologia sociale secondo cui un individuo è in grado di riconoscersi in descrizioni altamente generiche e universali. Se...

    Alghe stampate in 3D come generatori di ossigeno per i tessuti umani

    A partire dall’uomo nel suo complesso alla più piccola cellula che lo compone, la vita è possibile solo in presenza di un’adeguata quantità di...

    Alla ricerca del moto perpetuo: il Santo Graal per molti studiosi

    La realizzazione della macchina a moto perpetuo ha attirato la curiosità di molti studiosi, diventando un vero e proprio rompicapo. La tenacia e la...

    Alzheimer e Sindrome di Down, una triste relazione

    La presenza di un cromosoma in più comporta spesso rischi e limitazioni a livello corporeo per tutti i soggetti con Sindrome di Down. Tra...

    Morto Maradona: ad ucciderlo un arresto cardiorespiratorio

    Una notizia che non avremmo mai voluto ricevere quella di questo pomeriggio: Diego Armando Maradona è morto all’età di 60 anni in seguito ad...

    Pompei: ritrovati due corpi intatti, di chi si tratta?

    Come abbiamo letto sui libri e molto probabilmente studiato a scuola, nel 79 d.C. l’eruzione del Vesuvio provocò la completa distruzione delle città di...

    Articoli correlati

    Effetto Forer e convalida soggettiva: ecco perché crediamo all’oroscopo

    Vi è un meccanismo cognitivo nella psicologia sociale secondo cui un individuo è in...

    Alghe stampate in 3D come generatori di ossigeno per i tessuti umani

    A partire dall’uomo nel suo complesso alla più piccola cellula che lo compone, la...

    Scoperto un inibitore che potrebbe bloccare la replicazione di SARS-CoV-2

    Quante volte in questi mesi abbiamo sentito che aziende e gruppi di ricerca stavano...

    Alla ricerca del moto perpetuo: il Santo Graal per molti studiosi

    La realizzazione della macchina a moto perpetuo ha attirato la curiosità di molti studiosi,...