Altro

    Quartieri dei 20 minuti, i progetti urbani nell’era del covid-19

    Quartieri dei 20 minuti, i progetti urbani nell’era del covid-19

    Il covid-19 ha cambiato profondamente il nostro modo di vivere la quotidianità e specialmente il modo di considerare gli spazi circostanti e le distanze. Durante il lockdown, l’esigenza di avere tutto nelle vicinanze, nel raggio di poche centinaia di metri, era indispensabile. Da questo concetto è nata (molto prima dell’avvento della pandemia) l’idea dei quartieri dei 20 minuti, dove tutto è accessibile in pochi passi o pedalate.

    Quartieri dei 20 minuti, i progetti urbani nell’era del covid-19
    Quartieri dei 20 minuti. Fieldwork Projects, 2 Barry St, Brunswick. PH: domusweb.it

    Non riguarda solo ciò che è necessario, ma anche il lavoro e il divertimento. Si nota, dunque, come il progetto sia anche green e in pieno rispetto dell’ambiente, favorendo passeggiate a piedi o in bicicletta, piuttosto che l’utilizzo di mezzi di trasporto. Ogni comunità è valorizzata, anche i luoghi di periferia. E in questo modo si decongestionano le grandi città e si riduce l’inquinamento.

    I principi base dei quartieri dei 20 minuti

    Secondo alcune ricerche, le persone sono disposte a camminare al massimo per 20 minuti per soddisfare le loro esigenze localmente, che possono includere anche scuole, servizi medici o centri commerciali. I quartieri dei 20 minuti precisamente si riferiscono ad una distanza massima di 800 metri percorsa all’andata e 800 metri al ritorno, oppure 10 minuti più altri 10 minuti ancora.

    Vediamo i must alla base dei quartieri dei 20 minuti:

    Quartieri dei 20 minuti, i progetti urbani nell’era del covid-19
    Principi base dei quartieri dei 20 minuti. PH: planning.vic.gov.au
    • Essere sicuri, accessibili e ben collegati per pedoni e ciclisti per ottimizzare il trasporto
    • Offrire spazi pubblici e aperti di alta qualità
    • Fornire servizi e destinazioni che supportano l’economia locale
    • Facilitare l’accesso a trasporti pubblici di qualità, che colleghino le persone a posti di lavoro e servizi di ordine superiore
    • Avere densità abitative tali da rendere sostenibili i servizi e i trasporti

    Com’è nata l’idea dei 20 minuti?

    Quartieri dei 20 minuti, i progetti urbani nell’era del covid-19
    Città di Portland, in Oregon. PH: muvtravel.com

    L’idea è originaria di Portland, in Oregon (USA), dove il Portland Plan vuole che entro il 2030 il 90% dei cittadini possa avere tutto ciò di cui ha bisogno a 20 minuti. Successivamente il progetto si è esteso anche altrove, come con il Plan Melbourne 2017-2050 in Australia sotto il nomedi 20-minute neighbourhoods. Ciò che li accomuna è la strategia di pianificazione metropolitana per gestire la crescita e il cambiamento delle città nei prossimi decenni, con un’attenzione particolare ad incorporare il concetto dei quartieri dei 20 minuti nei principali progetti infrastrutturali.

    Quartieri dei 20 minuti, i progetti urbani nell’era del covid-19
    Un tipico quartiere dei 20 minuti a Melbourne, in Australia. PH: planning.vic.gov.au

    Altri esempi

    In Europa, in passato, sono state avanzate delle proposte simili, accantonate e poi tornate all’attenzione proprio grazie alla situazione di emergenza sanitaria. Un esempio è La Ville du quart d’heure (città del quarto d’ora) a Parigi, descritta da un diagramma simile al cerchio dell’Uomo Vitruviano di Leonardo. In questo caso, molta importanza viene data all’aspetto tecnologico e al coworking di quartiere. Infatti, l’esigenza dello smart working ha portato alla luce le problematiche relative ai disagi tipici del pendolarismo per lavoro, e non solo.

    Quartieri dei 20 minuti, i progetti urbani nell’era del covid-19
    La città del quarto d’ora a Parigi. PH: touringclub.it

    Attraverso la decentralizzazione della città, ogni zona riacquista la sua dignità e torna ad essere più a misura d’uomo. Infatti, nei quartieri dei 20 minuti le abitazioni sono tutte diverse e a buon prezzo e c’è molto verde. Ci sono campi da gioco, scuole, ospedali, strutture sportive e negozi. È la persona al centro dell’attenzione, non la città. Questo non vuol dire che non bisogna spostarsi più al di fuori della propria zona di residenza. Bisogna puntare a migliorare ogni singola realtà, che specialmente dopo quello che abbiamo vissuto è di vitale importanza.

    L’articolo Quartieri dei 20 minuti, i progetti urbani nell’era del covid-19 sembra essere il primo su BuildingCuE.

    CUE FACT CHECKING

    Share

    NEL MONDO
    42,441,198
    Casi totali confermati
    Updated on 24 October 2020 01:15
    All countries
    1,148,505
    Morti totali
    Updated on 24 October 2020 01:15

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    484,869
    Casi totali confermati
    Updated on 24 October 2020 01:15
    Italy
    261,808
    Guariti totali
    Updated on 24 October 2020 01:15
    Italy
    186,002
    Attuali positivi totali
    Updated on 24 October 2020 01:15
    Italy
    37,059
    Morti totali
    Updated on 24 October 2020 01:15

    Ultimi articoli

    Nanotubi di carbonio utilizzati come ponte per le lesioni spinali

    I ricercatori della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste, dell’Università di Trieste e del Centro de Investigación Cooperativa en Biomateriales CIC...

    Effetto Covid-19: la crisi del settore cosmetico stravolge il “Lipstick Index”

    Negli scorsi decenni si è molto discusso sul valore del “Lipstick Index” come indicatore i periodi di crisi. L’aumento delle vendite del settore cosmetico...

    Morto James Randi, l’illusionista che combatteva le bufale

    “An honest liar”, un onesto bugiardo. In molti lo conoscono così James Randi, illusionista e divulgatore che ha impiegato buona parte della sua carriera...

    Cure e vaccini

    Nanotubi di carbonio utilizzati come ponte per le lesioni spinali

    I ricercatori della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste, dell’Università di Trieste e del Centro de Investigación Cooperativa en Biomateriales CIC...

    Morto James Randi, l’illusionista che combatteva le bufale

    “An honest liar”, un onesto bugiardo. In molti lo conoscono così James Randi, illusionista e divulgatore che ha impiegato buona parte della sua carriera...

    Tumore al colon-retto: un nuovo mix di farmaci ne rallenta la crescita

    Quello al colon-retto è uno dei tumori più diffusi nel mondo occidentale. Si tratta di una neoplasia abbastanza aggressiva, che colpisce persone tra i...

    Dinosauri, scoperte le cause della loro ascesa sulla Terra

    Ad oggi, chi parla di cambiamenti climatici volge l’attenzione a piani politico-economici e dibattiti internazionali sulla necessità di ridurne le varie cause, come le...

    Proprietà dell’olio di CBD

    Il CBD è uno dei diversi composti, noti come cannabinoidi, presenti nelle piante di canapa e cannabis. In particolare, il CBD è la seconda...

    Zipf e la frequenza dei fenomeni, una danza non casuale

    L’analisi statistica è una chiave d’interpretazione fondamentale per la realtà insidiosa e affascinante in cui viviamo. Permette di ampliare il nostro sguardo ed osservare...

    Articoli correlati

    Nanotubi di carbonio utilizzati come ponte per le lesioni spinali

    I ricercatori della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste, dell’Università di...

    Effetto Covid-19: la crisi del settore cosmetico stravolge il “Lipstick Index”

    Negli scorsi decenni si è molto discusso sul valore del “Lipstick Index” come indicatore...

    Morto James Randi, l’illusionista che combatteva le bufale

    “An honest liar”, un onesto bugiardo. In molti lo conoscono così James Randi, illusionista...

    Tumore al colon-retto: un nuovo mix di farmaci ne rallenta la crescita

    Quello al colon-retto è uno dei tumori più diffusi nel mondo occidentale. Si tratta...