Altro

    Quartieri dei 20 minuti, i progetti urbani nell’era del covid-19

    Quartieri dei 20 minuti, i progetti urbani nell’era del covid-19

    Il covid-19 ha cambiato profondamente il nostro modo di vivere la quotidianità e specialmente il modo di considerare gli spazi circostanti e le distanze. Durante il lockdown, l’esigenza di avere tutto nelle vicinanze, nel raggio di poche centinaia di metri, era indispensabile. Da questo concetto è nata (molto prima dell’avvento della pandemia) l’idea dei quartieri dei 20 minuti, dove tutto è accessibile in pochi passi o pedalate.

    Quartieri dei 20 minuti, i progetti urbani nell’era del covid-19
    Quartieri dei 20 minuti. Fieldwork Projects, 2 Barry St, Brunswick. PH: domusweb.it

    Non riguarda solo ciò che è necessario, ma anche il lavoro e il divertimento. Si nota, dunque, come il progetto sia anche green e in pieno rispetto dell’ambiente, favorendo passeggiate a piedi o in bicicletta, piuttosto che l’utilizzo di mezzi di trasporto. Ogni comunità è valorizzata, anche i luoghi di periferia. E in questo modo si decongestionano le grandi città e si riduce l’inquinamento.

    I principi base dei quartieri dei 20 minuti

    Secondo alcune ricerche, le persone sono disposte a camminare al massimo per 20 minuti per soddisfare le loro esigenze localmente, che possono includere anche scuole, servizi medici o centri commerciali. I quartieri dei 20 minuti precisamente si riferiscono ad una distanza massima di 800 metri percorsa all’andata e 800 metri al ritorno, oppure 10 minuti più altri 10 minuti ancora.

    Vediamo i must alla base dei quartieri dei 20 minuti:

    Quartieri dei 20 minuti, i progetti urbani nell’era del covid-19
    Principi base dei quartieri dei 20 minuti. PH: planning.vic.gov.au
    • Essere sicuri, accessibili e ben collegati per pedoni e ciclisti per ottimizzare il trasporto
    • Offrire spazi pubblici e aperti di alta qualità
    • Fornire servizi e destinazioni che supportano l’economia locale
    • Facilitare l’accesso a trasporti pubblici di qualità, che colleghino le persone a posti di lavoro e servizi di ordine superiore
    • Avere densità abitative tali da rendere sostenibili i servizi e i trasporti

    Com’è nata l’idea dei 20 minuti?

    Quartieri dei 20 minuti, i progetti urbani nell’era del covid-19
    Città di Portland, in Oregon. PH: muvtravel.com

    L’idea è originaria di Portland, in Oregon (USA), dove il Portland Plan vuole che entro il 2030 il 90% dei cittadini possa avere tutto ciò di cui ha bisogno a 20 minuti. Successivamente il progetto si è esteso anche altrove, come con il Plan Melbourne 2017-2050 in Australia sotto il nomedi 20-minute neighbourhoods. Ciò che li accomuna è la strategia di pianificazione metropolitana per gestire la crescita e il cambiamento delle città nei prossimi decenni, con un’attenzione particolare ad incorporare il concetto dei quartieri dei 20 minuti nei principali progetti infrastrutturali.

    Quartieri dei 20 minuti, i progetti urbani nell’era del covid-19
    Un tipico quartiere dei 20 minuti a Melbourne, in Australia. PH: planning.vic.gov.au

    Altri esempi

    In Europa, in passato, sono state avanzate delle proposte simili, accantonate e poi tornate all’attenzione proprio grazie alla situazione di emergenza sanitaria. Un esempio è La Ville du quart d’heure (città del quarto d’ora) a Parigi, descritta da un diagramma simile al cerchio dell’Uomo Vitruviano di Leonardo. In questo caso, molta importanza viene data all’aspetto tecnologico e al coworking di quartiere. Infatti, l’esigenza dello smart working ha portato alla luce le problematiche relative ai disagi tipici del pendolarismo per lavoro, e non solo.

    Quartieri dei 20 minuti, i progetti urbani nell’era del covid-19
    La città del quarto d’ora a Parigi. PH: touringclub.it

    Attraverso la decentralizzazione della città, ogni zona riacquista la sua dignità e torna ad essere più a misura d’uomo. Infatti, nei quartieri dei 20 minuti le abitazioni sono tutte diverse e a buon prezzo e c’è molto verde. Ci sono campi da gioco, scuole, ospedali, strutture sportive e negozi. È la persona al centro dell’attenzione, non la città. Questo non vuol dire che non bisogna spostarsi più al di fuori della propria zona di residenza. Bisogna puntare a migliorare ogni singola realtà, che specialmente dopo quello che abbiamo vissuto è di vitale importanza.

    L’articolo Quartieri dei 20 minuti, i progetti urbani nell’era del covid-19 sembra essere il primo su BuildingCuE.

    Share

    NEL MONDO
    101,434,963
    Casi totali confermati
    Updated on 28 January 2021 04:58
    All countries
    2,184,126
    Morti totali
    Updated on 28 January 2021 04:58

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    2,501,147
    Casi totali confermati
    Updated on 28 January 2021 04:58
    Italy
    1,936,289
    Guariti totali
    Updated on 28 January 2021 04:58
    Italy
    477,969
    Attuali positivi totali
    Updated on 28 January 2021 04:58
    Italy
    86,889
    Morti totali
    Updated on 28 January 2021 04:58

    Ultimi articoli

    Morbo di K: l’epidemia che salvò gli ebrei dalla persecuzione

    E’ ormai passato un anno dallo scoppio della pandemia da coronavirus, ed è con l’avvicinarsi della Giornata della Memoria che abbiamo pensato di raccontare...

    Suicidio di Robin Williams: una forma di demenza dietro la sua morte

    Robin Williams, stimato attore, lo ricordiamo tutti per le sue splendide interpretazioni: dal più classico Jumanji, a L’uomo bicentenario, al divertentissimo Mrs Doubtfire. Il...

    The Breath: il tessuto che neutralizza il virus

    Si chiama The Breath e si tratta di un tessuto high-tech progettato per ripulire l’aria che respiriamo da agenti batterici o inquinanti. Come? Funziona...

    Cure e vaccini

    Morbo di K: l’epidemia che salvò gli ebrei dalla persecuzione

    E’ ormai passato un anno dallo scoppio della pandemia da coronavirus, ed è con l’avvicinarsi della Giornata della Memoria che abbiamo pensato di raccontare...

    Suicidio di Robin Williams: una forma di demenza dietro la sua morte

    Robin Williams, stimato attore, lo ricordiamo tutti per le sue splendide interpretazioni: dal più classico Jumanji, a L’uomo bicentenario, al divertentissimo Mrs Doubtfire. Il...

    Feedback sensoriale integrato nelle protesi: perché può aiutare

    Chi non indossa una protesi potrebbe chiedersi come “sente” un amputato il nuovo arto artificiale e come si adatti ad esso. Sicuramente non è...

    Osservato nuovo stato della materia grazie alla vite “quantistica” di Archimede

    I ricercatori della Stanford University, negli Stati Uniti, hanno osservato un nuovo stato della materia al lavoro, presente all’interno di un filo sfuggente di...

    Torino: ricostruzione volto 3D con pianificazione chirurgica virtuale

    Intervento straordinario quello eseguito nei giorni scorsi presso l’ospedale CTO della Città della Salute di Torino, dove un ragazzo di 23 anni con un...

    Diamante: da pietra preziosa a materiale per l’industria

    Cos’è il diamante? Ve lo siete mai chiesto? Un materiale tanto iconico nel mondo della gioielleria e del lusso quanto sconosciuto ai molti nel...

    Articoli correlati

    Morbo di K: l’epidemia che salvò gli ebrei dalla persecuzione

    E’ ormai passato un anno dallo scoppio della pandemia da coronavirus, ed è con...

    Suicidio di Robin Williams: una forma di demenza dietro la sua morte

    Robin Williams, stimato attore, lo ricordiamo tutti per le sue splendide interpretazioni: dal più...

    The Breath: il tessuto che neutralizza il virus

    Si chiama The Breath e si tratta di un tessuto high-tech progettato per ripulire...

    Feedback sensoriale integrato nelle protesi: perché può aiutare

    Chi non indossa una protesi potrebbe chiedersi come “sente” un amputato il nuovo arto...