Altro

    “Argentina lo sta facendo”: la nuova bufala WhatsApp sul coronavirus

    Argentina lo sta facendo bufala whatsapp coronavirus

    Nuova bufala su WhatsApp: al centro il video “Argentina lo sta facendo”, in cui si vedrebbe il paese sudamericano sconfiggere il coronavirus. La vera notizia non riguarda però il contenuto (falso) del video, ma il presunto virus legato ad esso che violerebbe il cellulare in meno di 10 secondi.

    Un messaggio d’allarme del tutto falso: il video in questione non esiste neanche. La notizia sta però ormai circolando da giorni e non sono poche le persone che hanno lamentato di aver ricevuto questo monito.

    WhatsApp è da anni il veicolo preferito per far circolare le fake news e spaventare gli utenti. La condivisione è immediata e così la diffusione: con un semplice “inoltra” è possibile condividere messaggi con tutti i contatti della rubrica.

    L’Argentina, il coronavirus e la bufala su WhatsApp

    La bufala del video su WhatsApp che hackera lo smartphone non è nuova: il messaggio era apparso la scorsa primavera, durante il lockdown, e ora è tornato alla carica. Sfruttando il soggetto del presunto video sta di nuovo riuscendo a generare panico tra gli utenti meno esperti, nonostante sia già stato smascherato una volta.

    Il testo del messaggio, tradotto dall’originale spagnolo, recita così:

    Attenzione !!!!! Caricheranno un video su WhatsApp che mostra come la nostra curva si sta appiattendo in Argentina. Il file si chiama “Argentina lo sta facendo”, non aprirlo o vederlo, hackera il tuo telefono in 10 secondi e non può essere fermato in alcun modo. Passa le informazioni a familiari e amici. NON APRIRE … … Ora lo hanno anche detto in TV“.

    La notizia è stata tradotta in diverse lingue e condivisa anche su Twitter e Facebook, facilitandone così la diffusione.

    La bufala di WhatsApp sul video "Argentina lo sta facendo" è approdata anche su Twitter. Credits: thelogicalindian.com
    La bufala di WhatsApp sul video “Argentina lo sta facendo” è approdata anche su Twitter. Credits: thelogicalindian.com

    Come ad Aprile scorso non c’è alcuna prova che esista questo pericoloso video, né qualcuno ha mai segnalato di averlo ricevuto. Il procuratore argentino della Specialized Cyber ​​Crime Tax Unit, Horacio Azzolin, aveva già smentito l’esistenza dell’attacco, confermando che non esisteva alcun video. Lo stesso aveva ricevuto il messaggio e aveva prontamente dichiarato che era un falso. Al giornale che lo aveva contattato aveva riferito che “se un’applicazione compromette il telefono lo fa immediatamente, non dopo 10 secondi”.

    WhatsApp e i bug: una lunga storia

    Di attacchi verso WhatsApp e bug nell’applicazione ne abbiamo visti tanti. Il più recente, legato a un problema di privacy, ha esposto 300.000 numeri in chiaro su Google, anche se in questo caso l’azienda aveva dichiarato che non fosse un bug.

    Il 2019 è stato un anno sfortunato per l’app di messaggistica: a Maggio è stata scoperta una vulnerabilità che permetteva l’esecuzione di uno spyware, sfruttando il buffer overflow. Ad Agosto un gruppo di esperti di cyber security ha individuato una falla che permetteva di manipolare i messaggi scambiati in chat, fingendosi un contatto fidato, arrivando a falsificare un’intera conversazione. Infine ad Ottobre è stata resa nota una vulnerabilità insita in una libreria open source usata dalla galleria dell’applicazione. In questo caso era possibile, tramite una GIF, infettare il codice dell’applicazione ed eseguire uno spyware.

    È lecito quindi pensare che possano esserci vulnerabilità legate a condivisioni di media sulle chat. La viralità del video dell’Argentina nasce proprio dall’apparente veridicità che nasce da una lettura superficiale del messaggio.

    Spam e phishing su WhatsApp

    Tutti almeno una volta abbiamo ricevuto un messaggio di una catena di spam o phishing. La maggior parte dei messaggi ha come obiettivo quello di ingannare l’utente e portarlo ad eseguire una certa azione che va a suo scapito, ma a guadagno dell’attaccante.

    C’è poi una parte di messaggi creata soltanto per generare allarmismi e timori. Il caso del video dell’Argentina rientra proprio in questa categoria. Nel messaggio sono presenti alcune delle caratteristiche chiave delle catene-bufala: la richiesta di inoltrarlo a più persone possibili, una descrizione vaga del pericolo e una frase (non sempre verificabile) sull’autenticità dell’informazione (es: “lo hanno detto in TV”). Se per molti però è lampante la falsità della notizia, per altrettante persone non è così ovvio, specialmente per i meno pratici e informati.

    Le caratteristiche dei messaggi fake su WhatsApp. Credits: thelogicalindian.com
    Le caratteristiche dei messaggi fake su WhatsApp. Credits: thelogicalindian.com

    Sebbene non esista una minaccia reale, questi messaggi generano allarmismi inutili, causando timori e creando confusione. Nonostante il video inesistente rimane sempre valido il consiglio di non aprire link o media provenienti da contatti sconosciuti, in quanto potrebbero celare degli attacchi reali.

    L’articolo “Argentina lo sta facendo”: la nuova bufala WhatsApp sul coronavirus proviene da TechCuE.

    Share

    NEL MONDO
    62,151,447
    Casi totali confermati
    Updated on 28 November 2020 15:40
    All countries
    1,452,283
    Morti totali
    Updated on 28 November 2020 15:40

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    1,538,217
    Casi totali confermati
    Updated on 28 November 2020 15:40
    Italy
    696,647
    Guariti totali
    Updated on 28 November 2020 15:40
    Italy
    787,893
    Attuali positivi totali
    Updated on 28 November 2020 15:40
    Italy
    53,677
    Morti totali
    Updated on 28 November 2020 15:40

    Ultimi articoli

    Effetto Forer e convalida soggettiva: ecco perché crediamo all’oroscopo

    Vi è un meccanismo cognitivo nella psicologia sociale secondo cui un individuo è in grado di riconoscersi in descrizioni altamente generiche e universali. Se...

    Alghe stampate in 3D come generatori di ossigeno per i tessuti umani

    A partire dall’uomo nel suo complesso alla più piccola cellula che lo compone, la vita è possibile solo in presenza di un’adeguata quantità di...

    Scoperto un inibitore che potrebbe bloccare la replicazione di SARS-CoV-2

    Quante volte in questi mesi abbiamo sentito che aziende e gruppi di ricerca stavano lavorando ad un antivirale specifico contro il SARS-CoV-2? Ovviamente e,...

    Cure e vaccini

    Effetto Forer e convalida soggettiva: ecco perché crediamo all’oroscopo

    Vi è un meccanismo cognitivo nella psicologia sociale secondo cui un individuo è in grado di riconoscersi in descrizioni altamente generiche e universali. Se...

    Alghe stampate in 3D come generatori di ossigeno per i tessuti umani

    A partire dall’uomo nel suo complesso alla più piccola cellula che lo compone, la vita è possibile solo in presenza di un’adeguata quantità di...

    Alla ricerca del moto perpetuo: il Santo Graal per molti studiosi

    La realizzazione della macchina a moto perpetuo ha attirato la curiosità di molti studiosi, diventando un vero e proprio rompicapo. La tenacia e la...

    Alzheimer e Sindrome di Down, una triste relazione

    La presenza di un cromosoma in più comporta spesso rischi e limitazioni a livello corporeo per tutti i soggetti con Sindrome di Down. Tra...

    Morto Maradona: ad ucciderlo un arresto cardiorespiratorio

    Una notizia che non avremmo mai voluto ricevere quella di questo pomeriggio: Diego Armando Maradona è morto all’età di 60 anni in seguito ad...

    Pompei: ritrovati due corpi intatti, di chi si tratta?

    Come abbiamo letto sui libri e molto probabilmente studiato a scuola, nel 79 d.C. l’eruzione del Vesuvio provocò la completa distruzione delle città di...

    Articoli correlati

    Effetto Forer e convalida soggettiva: ecco perché crediamo all’oroscopo

    Vi è un meccanismo cognitivo nella psicologia sociale secondo cui un individuo è in...

    Alghe stampate in 3D come generatori di ossigeno per i tessuti umani

    A partire dall’uomo nel suo complesso alla più piccola cellula che lo compone, la...

    Scoperto un inibitore che potrebbe bloccare la replicazione di SARS-CoV-2

    Quante volte in questi mesi abbiamo sentito che aziende e gruppi di ricerca stavano...

    Alla ricerca del moto perpetuo: il Santo Graal per molti studiosi

    La realizzazione della macchina a moto perpetuo ha attirato la curiosità di molti studiosi,...