Altro

    Commenti su Scie chimiche: le origini del mito di Dario Guerrini

    Gli Emirati Arabi utilizzano aerei per l’irrorazione in atmosfera di sali, allo scopo di provocare la pioggia nelle zone aride. Il progetto consente la coltivazione intensiva in aree altrimenti inservibili. In ret si trovano innumerevoli articoli sul tema.
    Non si può escludere che il metodo sia stato sperimentato anche altrove, dove le piogge non mancano naturalmente e l’effetto potrebbe essere stato quello di accentuarle notevolmente sino a scatenare quelle “bombe d’acqua” rapide e devastanti in zone mai interessate da simili precipitazioni.
    L’uso di sostanze per esperimenti sul clima fu abrogato dalla Cancelliera Merkel, per i costi eccessivi e i modesti ritorni; su internet si trova la documentazione del decreto. Quindi c’è ammissione di esistenza del fenomeno.
    La possibilità di scatenare precipitazioni molto intense in zone specifiche non può inoltre non aver stimolato l’interesse dei militari, che con questi sistemi sarebbero in grado di rendere molto difficoltose le operazioni di un possibile nemico. Di questo non se ne parla, come poco o nulla si sa delle armi ad energia diretta, altra micidiale possibilità di sopraffazione e frutto della ricerca. Test sarebbero stati fatti in territorio Iracheno durante la guerra.
    Tanto premesso, è verosimile che ci siano stati esperimenti di aerei che hanno irrorato sostanze per esperimenti di condizionamento del clima per scopi benefici o militari ed è plausibile che qualcuno abbia intercettato questi esperimenti seppur saltuari e circostanziati. Da qui a parlare però di attività ricorrente chiamata delle “scie chimiche” è il risultato della fantasia di sognatori dell’horror e di giornalisti a caccia di scoop.
    Resta invece un altro problema inquietante, che è la moltitudine di CO2 e vapore acqueo che i voli di linea rilasciano continuamente in atmosfera, sia perché i motori attuali sarebbero più risparmiosi ma più inquinanti del passato, sia perché i voli sul globo ora sono circa 25 milioni per anno, continuando ad aumentare sempre di più.
    C’è poi il problema della minore trasparenza dell’aria in zone molto frequentate dai voli; ho personalmente visto un grafico in rete (poi sparito) dove si evidenziava il salto netto di trasparenza nelle grandi città Usa dopo l’attentato dell’11 settembre; per alcuni giorni infatti i voli furono quasi totalmente sospesi e secondo quel report l’aria ne fu notevolmente beneficiata.
    Di tutto quanto sopra si parla poco per ovvie ragioni, ma il pianeta terra deve fare i conti con delle sostanze che continuamente vengono irrorate in quota; quindi oltre alla CO2 emessa al suolo da automobili e industria, c’è quella degli aerei di linea e non. E nessun limite è mai stato previsto, cosa che prima o poi dovrà avvenire quando si dimostrerà il nesso causa/effetto sperando che non sia troppo tardi.
    Grazie per l’attenzione e cordiali Saluti
    Dario Guerrini

    Share

    NEL MONDO
    65,209,467
    Casi totali confermati
    Updated on 3 December 2020 19:11
    All countries
    1,506,175
    Morti totali
    Updated on 3 December 2020 19:11

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    1,664,829
    Casi totali confermati
    Updated on 3 December 2020 19:11
    Italy
    846,809
    Guariti totali
    Updated on 3 December 2020 19:11
    Italy
    759,982
    Attuali positivi totali
    Updated on 3 December 2020 19:11
    Italy
    58,038
    Morti totali
    Updated on 3 December 2020 19:11

    Ultimi articoli

    Come la pandemia Covid-19 sta ostacolando la scomparsa di AIDS e HIV

    La storica lotta al virus HIV, virus portatore dell’AIDS, immunodeficienza acquisita, prosegue imperterrita dalla sua comparsa nei primi anni ’80. Tecnicamente, grazie ai progressi...

    Una nuova classe di cateteri “intelligenti” per la chirurgia mininvasiva

    I ricercatori della George Washington University e della Northwestern University, nel 2020, hanno sviluppato una nuova classe di strumenti medici dotati di un avanzato...

    Commenti su Fernando Aiuti, quel bacio contro l’ignoranza di 1 Dicembre: l’HIV non si prende con un bacio – Inchiostro

    l’immunologo Fernando Aiuti bacia una sua paziente sieropositiva, in risposta all’articolo di un quotidiano che riportava

    Cure e vaccini

    Come la pandemia Covid-19 sta ostacolando la scomparsa di AIDS e HIV

    La storica lotta al virus HIV, virus portatore dell’AIDS, immunodeficienza acquisita, prosegue imperterrita dalla sua comparsa nei primi anni ’80. Tecnicamente, grazie ai progressi...

    Una nuova classe di cateteri “intelligenti” per la chirurgia mininvasiva

    I ricercatori della George Washington University e della Northwestern University, nel 2020, hanno sviluppato una nuova classe di strumenti medici dotati di un avanzato...

    Commenti su Fernando Aiuti, quel bacio contro l’ignoranza di 1 Dicembre: l’HIV non si prende con un bacio – Inchiostro

    l’immunologo Fernando Aiuti bacia una sua paziente sieropositiva, in risposta all’articolo di un quotidiano che riportava

    Commenti su I veleni degli animali contro cancro e dolore di HMS Beagle, il veliero su cui viaggiò Charles Darwin

    FitzRoy accolse Darwin con grande piacere a bordo, sia per le sue qualità che per i suoi modi cortesi. Il 27 dicembre del...

    Commenti su Dinosauri, scoperte le cause della loro ascesa sulla Terra di HMS Beagle, il veliero su cui viaggiò Charles Darwin

    “Ho assicurato che tu sei la persona più adatta che io conosca, e questo non perché ti creda un naturalista rifinito, bensì perché...

    Articoli correlati

    Come la pandemia Covid-19 sta ostacolando la scomparsa di AIDS e HIV

    La storica lotta al virus HIV, virus portatore dell’AIDS, immunodeficienza acquisita, prosegue imperterrita dalla...

    Una nuova classe di cateteri “intelligenti” per la chirurgia mininvasiva

    I ricercatori della George Washington University e della Northwestern University, nel 2020, hanno sviluppato...

    Commenti su Fernando Aiuti, quel bacio contro l’ignoranza di 1 Dicembre: l’HIV non si prende con un bacio – Inchiostro

    l’immunologo Fernando Aiuti bacia una sua paziente sieropositiva, in risposta all’articolo di un...