Altro

    Covid e animali domestici, registrato il primo caso in Italia

    Covid e animali domestici, registrato il primo caso in Italia

    Sul fatto che gli animali domestici potessero veicolare o meno il coronavirus, la comunità scientifica si era già interrogata in passato. Adesso, la questione è tornata alle cronache dopo che, per la prima volta in Italia, è stata verificata la positività di un cane al coronavirus. Ciò, però, non deve assolutamente destare preoccupazione. Sebbene si possa pensare il contrario, non solo i nostri animali domestici non sono in grado di trasmetterci il Covid, ma dovremmo essere noi a proteggerli. Ad affermarlo è Nicola Decaro, professore ordinario di malattie infettive degli animali all’Università di Bari, ovvero proprio colui che ha rilevato tracce del virus in una barboncina di un anno e mezzo:

    Carica virale molto bassa. Gli animali non sono un pericolo per la nostra salute, al contrario bisogna proteggerli.

    Spiega Decaro a La Repubblica.

    La barboncina vive con una famiglia di 4 persone, tutte positive e sintomatiche, a Bitonto, in provincia di Bari, e non ha mostrato sintomi.

    Decaro ha studiato a lungo la possibilità di infezione in cani e gatti. Già in passato, infatti, si era imbattuto in una serie di test sierologici positivi, in animali che quindi erano stati in contatto con il coronavirus in passato e che avevano sviluppato gli anticorpi. Al centro della ricerca sono proprio gli animali domestici che vivono con persone positive al Covid.

    Relazione tra Covid-19 e animali domestici, cosa dice l’ISS?

    Partiamo dal fatto che casi del genere sono molto rari. Al mondo si contano soltanto una ventina di casi: secondo quanto riportato dall’Istituto Superiore di Sanità, al 2 aprile 2020 erano stati documentati solamente 4 casi in tutto il mondo di Covid negli animali domestici (due cani e un gatto ad Hong Kong e un gatto in Belgio), a fronte di 800 mila casi nell’uomo. In tutti i casi riportati, l’infezione è avvenuto dal proprietario all’animale, non il viceversa.

    L’altro aspetto fondamentale da sottolineare e ripetere è che: “Non esiste alcuna evidenza che gli animali domestici giochino un ruolo nella diffusione di SARS-CoV-2 che riconosce, invece, nel contagio interumano la via principale di trasmissione”, utilizzando le parole riportate da EpiCentro, il portale di epidemiologia dell’ISS.

    Animali domestici e Covid

    Alcuni studi sperimentali in laboratorio, però, hanno dimostrato una certa suscettibilità al virus nei gatti, nei furetti e, in misura minore, nei cani. Ciò significa che, in rarissimi casi, potrebbero manifestarsi dei sintomi (pur continuando a non rappresentare un pericolo per la nostra salute); da qui l’importanza di proteggerli, il ché non implica però l’allontanamento o l’isolamento.

    Un aiuto nella diagnosi

    Gli animali domestici, in particolare i cani, possono addirittura giocare un ruolo importante nel supportare la diagnosi di Covid negli esseri umani (grazie anche alla loro minore suscettibilità al coronavirus). L’addestramento dei cani per la diagnosi di varie malattie non è una novità. Grazie al loro olfatto, infatti, riescono a rilevare, ad esempio, varie tipologie di tumore o patologie come la malaria. Dobbiamo però evidenziare che, come riporta l’AIRC, non c’è tutt’ora una dimostrazione che i cani possano essere utilizzati come vero e proprio “strumento” di diagnosi, piuttosto possono fornire un’indicazione che dovrà comunque poi essere validata dai metodi tradizionali.

    Covid e animali domestici, registrato il primo caso in Italia

    Share

    NEL MONDO
    179,911,846
    Casi totali confermati
    Updated on 23 June 2021 03:50
    All countries
    3,897,376
    Morti totali
    Updated on 23 June 2021 03:50

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    4,254,294
    Casi totali confermati
    Updated on 23 June 2021 03:50
    Italy
    4,054,008
    Guariti totali
    Updated on 23 June 2021 03:50
    Italy
    72,964
    Attuali positivi totali
    Updated on 23 June 2021 03:50
    Italy
    127,322
    Morti totali
    Updated on 23 June 2021 03:50

    Ultimi articoli

    PNRR italiano, arriva l’approvazione della Commissione Europea

    Il grande giorno è arrivato. Finalmente, dopo mesi di lavoro e di trattative, la Commissione Europea ha approvato il Piano Nazionale di Ripresa e...

    Vaccino antitumorale: il via alla fase 2 della sperimentazione

    Il vaccino antitumorale rappresenterebbe un’ottima soluzione per sconfiggere il cancro senza danneggiare le cellule sane. Più in dettaglio si tratta di un vaccino contro...

    La scienza dietro lo sviluppo di app mobili: 7 cose che dovresti sapere

    Sviluppare la tua prima app mobile può essere sia stimolante che gratificante. Aspettati di imparare molto e di fare molti errori inaspettati. Ti sei...

    Cure e vaccini

    Vaccino antitumorale: il via alla fase 2 della sperimentazione

    Il vaccino antitumorale rappresenterebbe un’ottima soluzione per sconfiggere il cancro senza danneggiare le cellule sane. Più in dettaglio si tratta di un vaccino contro...

    La scienza dietro lo sviluppo di app mobili: 7 cose che dovresti sapere

    Sviluppare la tua prima app mobile può essere sia stimolante che gratificante. Aspettati di imparare molto e di fare molti errori inaspettati. Ti sei...

    National Geographic riconosce ufficialmente l’oceano Antartico

    Al contrario di quello che indica il nome del nostro pianeta madre, la superficie terrestre è principalmente ricoperta da acqua. Circa il 70 per...

    Qual è la tecnologia dietro l’apprendimento mobile?

    Qual è la scienza dietro l’apprendimento mobile? Attenzione: l’apprendimento mobile può creare dipendenza! Un’esagerazione, forse, ma con elementi aggiunti come la gamification, gli studenti possono sicuramente...

    Amazon Prime Day 2021: le offerte consigliate da ScienceCuE

    Come ogni anno è arrivato l’Amazon Prime Day: i due giorni dedicati alle offerte per i clienti Amazon Prime. Anche quest’anno le offerte sono...

    Le ragnatele possono fermare un Boeing 747 che viaggia a 320 km/h?

    La natura spesso ispira gli esseri umani a imitarne i concetti e dare vita a nuove invenzioni. Le ragnatele dei nostri amici a otto...

    Articoli correlati

    PNRR italiano, arriva l’approvazione della Commissione Europea

    Il grande giorno è arrivato. Finalmente, dopo mesi di lavoro e di trattative, la...

    Vaccino antitumorale: il via alla fase 2 della sperimentazione

    Il vaccino antitumorale rappresenterebbe un’ottima soluzione per sconfiggere il cancro senza danneggiare le cellule...

    La scienza dietro lo sviluppo di app mobili: 7 cose che dovresti sapere

    Sviluppare la tua prima app mobile può essere sia stimolante che gratificante. Aspettati di...

    National Geographic riconosce ufficialmente l’oceano Antartico

    Al contrario di quello che indica il nome del nostro pianeta madre, la superficie...