Altro

    Il calvario di Marc Marquez, dall’infortunio al rischio di trapianto osseo

    Il calvario di Marc Marquez, dall'infortunio al rischio di trapianto osseo

    La stagione 2020 della MotoGP si è conclusa da poco con la vittoria dello spagnolo Joan Mir e gli occhi sono già puntati sulla prossima. È proprio nel motomondiale 2021 che il pilota della Honda Marc Marquez dovrebbe fare il suo ritorno in pista ma, purtroppo, gli ultimi aggiornamenti riguardo il recupero dall’infortunio che l’ha di fatto escluso da tutte le gare del 2020. Secondo quanto riportato dalla rivista The Race, infatti, sembra che Marquez rischi di dover essere sottoposto ad una terza operazione, che si differenzierebbe dalle altre per la necessità di trapianto osseo.

    Marc Marquez

    Per capire perché, dopo ben quattro mesi dall’incidente ancora i tempi di pieno recupero siano incerti, dobbiamo ripercorrere quella che è stata la sfortunata stagione del sei volte campione del modo della MotoGP.

    La frattura dell’omero e il doppio intervento chirurgico

    Dopo il ritardo causato dall’emergenza coronavirus, la stagione 2020 della MotoGP ha finalmente inizio il 19 luglio scorso a Jerez, in Spagna. Quella che sembrava una gara segnata dall’eccezionale rimonta di Marquez, è diventata un giorno decisamente da dimenticare per lui. A pochi giri dalla fine è stato vittima di una violenta caduta nella quale, rotolando fuori dalla pista, è stato colpito dalla moto nel braccio destro. Il risultato è stato la frattura dell’omero, per la precisione si parla di frattura diafisaria trasversale.
    Finisce così, alla prima gara, la stagione di Marquez. A pochi giorni dall’infortunio, il pilota viene sottoposto ad un intervento chirurgico con l’inserimento di una placca in titanio per ridurre la frattura.

    Infortunio Marc Marquez
    Questa foto è stata postata sul profilo instagram del pilota poco dopo la prima operazione al braccio.

    Il pilota ha poi provato a tornare subito in pista e, sebbene inizialmente ci fossero state buone sensazioni, si è invece reso necessario un nuovo intervento chirurgico per sostituire la placca che si era danneggiata.

    “Marc Marquez è stato operato 13 giorni fa e oggi è tornato in sala operatoria. La prima operazione ha avuto esito positivo, ciò che non era previsto era che la piastra fosse insufficiente. Un accumulo di stress nell’area operata ha causato alcuni danni alla piastra in titanio, quindi oggi è stata rimossa e sostituita da una nuova fissazione. Il pilota non ha sentito dolore durante questo periodo. Ha sempre seguito i consigli del medico e le sensazioni del suo corpo. Sfortunatamente, uno stress eccessivo ha causato questo problema. Ora dobbiamo aspettare 48 ore per capire i tempi di recupero”, affermava il dottor Xavier Mir in un comunicato ufficiale.

    Purtroppo anche questa fase di recupero ha subito dei ritardi. Sembrava, infatti, che Marquez potesse tornare in pista per l’ultima gara della passata stagione, ipotesi poi esclusa rinviando il rientro direttamente al 2021.

    Stagione 2021 a rischio per Marc Marquez?

    Come anticipato, il recupero di Marquez sembra non stare andando come previsto tanto che si parla di possibile trapianto osseo. Quello che i medici vogliono evitare, è lo sviluppo di una pseudoartrosi cronica, ovvero una condizione che si presenta quando i due monconi della frattura non si saldano completamente. La doppia operazione, caratterizzata da molteplici fori per fissare la placca, sembra aver compromesso e indebolito l’osso, che avrebbe quindi bisogno di un “aiuto esterno” per rimarginarsi.

    Solitamente, il trapianto osseo si rende necessario quando il difetto supera le dimensioni critiche che non permettono la guarigione autonoma dell’osso attraverso la fissazione meccanica. le attuali tecniche sono rappresentate da innesti di tessuto autologo, eterologo o allogenico. L’innesto osseo autologo rimane il trattamento preferito perché soddisfa i requisiti di osteogenicità, osteoinduttività e osteoconduttività. Tuttavia, può presentare complicazioni derivanti dal prelievo del tessuto da trapiantare, come morbosità del sito di prelievo e dolore. Allo stesso tempo, innesti eterologhi (da animale) ed allogenici (da un’altra persona) comportano il rischio di trasmissione di malattie e risposta immunitaria.

    Marc Marquez si è preso del tempo per decidere se procedere con il trapianto o meno. In questo caso, infatti, mentre da un lato si arriverebbe ad una risoluzione definitiva dell’infortunio, dall’altro si prospetta un ulteriore stop di 6 mesi che potrebbe compromettere anche la futura stagione di MotoGP.

    L’articolo Il calvario di Marc Marquez, dall’infortunio al rischio di trapianto osseo sembra essere il primo su BiomedCuE.

    Share

    NEL MONDO
    62,125,065
    Casi totali confermati
    Updated on 28 November 2020 14:39
    All countries
    1,451,937
    Morti totali
    Updated on 28 November 2020 14:39

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    1,538,217
    Casi totali confermati
    Updated on 28 November 2020 14:39
    Italy
    696,647
    Guariti totali
    Updated on 28 November 2020 14:39
    Italy
    787,893
    Attuali positivi totali
    Updated on 28 November 2020 14:39
    Italy
    53,677
    Morti totali
    Updated on 28 November 2020 14:39

    Ultimi articoli

    Effetto Forer e convalida soggettiva: ecco perché crediamo all’oroscopo

    Vi è un meccanismo cognitivo nella psicologia sociale secondo cui un individuo è in grado di riconoscersi in descrizioni altamente generiche e universali. Se...

    Alghe stampate in 3D come generatori di ossigeno per i tessuti umani

    A partire dall’uomo nel suo complesso alla più piccola cellula che lo compone, la vita è possibile solo in presenza di un’adeguata quantità di...

    Scoperto un inibitore che potrebbe bloccare la replicazione di SARS-CoV-2

    Quante volte in questi mesi abbiamo sentito che aziende e gruppi di ricerca stavano lavorando ad un antivirale specifico contro il SARS-CoV-2? Ovviamente e,...

    Cure e vaccini

    Effetto Forer e convalida soggettiva: ecco perché crediamo all’oroscopo

    Vi è un meccanismo cognitivo nella psicologia sociale secondo cui un individuo è in grado di riconoscersi in descrizioni altamente generiche e universali. Se...

    Alghe stampate in 3D come generatori di ossigeno per i tessuti umani

    A partire dall’uomo nel suo complesso alla più piccola cellula che lo compone, la vita è possibile solo in presenza di un’adeguata quantità di...

    Alla ricerca del moto perpetuo: il Santo Graal per molti studiosi

    La realizzazione della macchina a moto perpetuo ha attirato la curiosità di molti studiosi, diventando un vero e proprio rompicapo. La tenacia e la...

    Alzheimer e Sindrome di Down, una triste relazione

    La presenza di un cromosoma in più comporta spesso rischi e limitazioni a livello corporeo per tutti i soggetti con Sindrome di Down. Tra...

    Morto Maradona: ad ucciderlo un arresto cardiorespiratorio

    Una notizia che non avremmo mai voluto ricevere quella di questo pomeriggio: Diego Armando Maradona è morto all’età di 60 anni in seguito ad...

    Pompei: ritrovati due corpi intatti, di chi si tratta?

    Come abbiamo letto sui libri e molto probabilmente studiato a scuola, nel 79 d.C. l’eruzione del Vesuvio provocò la completa distruzione delle città di...

    Articoli correlati

    Effetto Forer e convalida soggettiva: ecco perché crediamo all’oroscopo

    Vi è un meccanismo cognitivo nella psicologia sociale secondo cui un individuo è in...

    Alghe stampate in 3D come generatori di ossigeno per i tessuti umani

    A partire dall’uomo nel suo complesso alla più piccola cellula che lo compone, la...

    Scoperto un inibitore che potrebbe bloccare la replicazione di SARS-CoV-2

    Quante volte in questi mesi abbiamo sentito che aziende e gruppi di ricerca stavano...

    Alla ricerca del moto perpetuo: il Santo Graal per molti studiosi

    La realizzazione della macchina a moto perpetuo ha attirato la curiosità di molti studiosi,...