Altro

    5G e microchip nel vaccino del Covid: il circuito “scoperto” dai Russi

    5G, vaccino, circuito di un microchip e spie russe: sembra la trama di un film futuristico, ma è tutto vero. O almeno per i complottisti è così. Sì perché, dalle ultime indiscrezioni, sembrerebbe che i Russi abbiano scoperto un microchip contenuto nel vaccino, creato appositamente per controllarci.

    Ma si sa che le bufale hanno le gambe corte, e infatti la surreale notizia è stata smentita con facilità. Non che ce ne fosse bisogno, vista l’assurdità della “scoperta”, ma di fronte ai più testardi neanche avere delle prove è sufficiente. In ogni caso tanti utenti hanno confermato la falsità della notizia: il fantomatico circuito del vaccino non è altro che quello di un pedale della chitarra.

    5G e il circuito del microchip nel vaccino: il misterioso post

    Le bufale sul vaccino contro il coronavirus si moltiplicano e diventano sempre più fantasiose. L’ultima sfiora il limite dell’assurdo: il circuito di un pedale da chitarra si è trasformato in quello di un microchip contenuto nel vaccino. Una segnalazione anonima di qualche giorno fa su Telegra.ph ha riportato la notizia che i Russi avrebbero trovato e analizzato un microchip nel vaccino del Covid-19.

    Nel post si descrive il chip composto da 4 processori e 4 transistor, e dall’INPUT dove arriva il segnale 5G. “È così che ti controllano” dice l’autore del post. Il segnale ricevuto si amplifica tramite un transistor per poi spostarsi verso un altro processore e avere impatto sulla psiche. Il controllo, secondo la registrazione originale intercettata dall’autore del post, porterebbe a un grande guadagno da parte di chi ha prodotto il vaccino. L’alimentazione del chip avviene tramite il calore corporeo.

    Il circuito del microchip 5G trovato nel vaccino di Pfizer. Credits: telegra.ph
    Il circuito del microchip 5G trovato nel vaccino di Pfizer. Credits: telegra.ph

    Il virus verrebbe attivato tramite dei diodi di silicone che controllano l’energia elettrica per attivare il Covid contenuto nel vaccino. Il segnale viene inoltre continuamente rafforzato per impedire ai medici di rilevare il chip. Esistono poi dei comandi che permettono ai misteriosi burattinai di aggiornare le istruzioni che ci mandano al cervello, che sono diverse per uomo e donna. Lo stato d’animo della persona vaccinata influenza la forza del segnale.

    Uno dei tanti post in cui si condivide la notizia del microchip nel vaccino. Credits: Open
    Uno dei tanti post in cui si condivide la notizia del microchip nel vaccino. Credits: Open

    Insomma stiamo parlando di alta ingegneria, un prodotto pensato così bene da essere invisibile agli scanner medici. Ma non per le spie russe, che sono riuscite a scoprire tutta la verità dietro i vaccini e hanno rivelato la terribile notizia. Vi è già venuto il mal di testa per queste assurde congetture?

    La verità sul circuito: il pedale della chitarra

    Sebbene le spiegazioni del circuito siano assurde e al limite della fantascienza molti no-vax e complottisti hanno preso sul serio la notizia e hanno condiviso la scoperta russa. Il microchip riportato, però, non è altro che il circuito elettrico di un pedale della chitarra, precisamente un Boss MT-2 Metal Zone, condiviso in un post del 2011 in un forum russo.

    Nel post in cui si spiega il funzionamento del chip si fa riferimento a comandi BASS, TREBLE e VOLUME, utilizzati per l’appunto nello strumento musicale. Anche il FOOTSWITCH, nominato nella segnalazione, è un elemento proprio del pedale. Su Twitter il chitarrista e scrittore Salvo di Grazia ha condiviso la notizia accorgendosi subito della realtà dei fatti.

    Il post di Twitter che per primo ha smascherato la fake news.
    Il post di Twitter che per primo ha smascherato la fake news.

    Ovviamente non serve suonare uno strumento per capire che non si tratta di un microchip nel vaccino e che è solo l’ennesima delle bufale sul coronavirus. Il problema, come sempre, sta nel fatto che i complottisti non hanno bisogno di capire una notizia, ma soltanto condividerla con la sicurezza di avere finalmente delle prove a supporto delle loro convinzioni. Tra 5G, teorie del controllo con Bill Gates di mezzo e scetticismo nei confronti del vaccino, i no-vax usano ogni notizia come pretesto per rafforzare le proprie idee.

    Non è ancora chiaro se l’autore del post abbia trascritto il circuito del pedale per prendere in giro i complottisti o se ne è davvero convinto. Resta il fatto che la notizia ha portato di nuovo scompiglio e confusione quando sarebbe dovuta rimanere soltanto quello che è: un’assurdità a cui non dare importanza. Nel frattempo in Italia continuano le vaccinazioni, ormai entrate nel vivo e sottoposte a medici, infermieri e categorie a rischio. Il vaccino offre un’immunità di 8 mesi, la stessa che si ha quando si contrae il virus.

    L’articolo 5G e microchip nel vaccino del Covid: il circuito “scoperto” dai Russi proviene da Tech CuE.

    Share

    NEL MONDO
    179,907,370
    Casi totali confermati
    Updated on 23 June 2021 02:49
    All countries
    3,897,223
    Morti totali
    Updated on 23 June 2021 02:49

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    4,254,294
    Casi totali confermati
    Updated on 23 June 2021 02:49
    Italy
    4,054,008
    Guariti totali
    Updated on 23 June 2021 02:49
    Italy
    72,964
    Attuali positivi totali
    Updated on 23 June 2021 02:49
    Italy
    127,322
    Morti totali
    Updated on 23 June 2021 02:49

    Ultimi articoli

    PNRR italiano, arriva l’approvazione della Commissione Europea

    Il grande giorno è arrivato. Finalmente, dopo mesi di lavoro e di trattative, la Commissione Europea ha approvato il Piano Nazionale di Ripresa e...

    Vaccino antitumorale: il via alla fase 2 della sperimentazione

    Il vaccino antitumorale rappresenterebbe un’ottima soluzione per sconfiggere il cancro senza danneggiare le cellule sane. Più in dettaglio si tratta di un vaccino contro...

    La scienza dietro lo sviluppo di app mobili: 7 cose che dovresti sapere

    Sviluppare la tua prima app mobile può essere sia stimolante che gratificante. Aspettati di imparare molto e di fare molti errori inaspettati. Ti sei...

    Cure e vaccini

    Vaccino antitumorale: il via alla fase 2 della sperimentazione

    Il vaccino antitumorale rappresenterebbe un’ottima soluzione per sconfiggere il cancro senza danneggiare le cellule sane. Più in dettaglio si tratta di un vaccino contro...

    La scienza dietro lo sviluppo di app mobili: 7 cose che dovresti sapere

    Sviluppare la tua prima app mobile può essere sia stimolante che gratificante. Aspettati di imparare molto e di fare molti errori inaspettati. Ti sei...

    National Geographic riconosce ufficialmente l’oceano Antartico

    Al contrario di quello che indica il nome del nostro pianeta madre, la superficie terrestre è principalmente ricoperta da acqua. Circa il 70 per...

    Qual è la tecnologia dietro l’apprendimento mobile?

    Qual è la scienza dietro l’apprendimento mobile? Attenzione: l’apprendimento mobile può creare dipendenza! Un’esagerazione, forse, ma con elementi aggiunti come la gamification, gli studenti possono sicuramente...

    Amazon Prime Day 2021: le offerte consigliate da ScienceCuE

    Come ogni anno è arrivato l’Amazon Prime Day: i due giorni dedicati alle offerte per i clienti Amazon Prime. Anche quest’anno le offerte sono...

    Le ragnatele possono fermare un Boeing 747 che viaggia a 320 km/h?

    La natura spesso ispira gli esseri umani a imitarne i concetti e dare vita a nuove invenzioni. Le ragnatele dei nostri amici a otto...

    Articoli correlati

    PNRR italiano, arriva l’approvazione della Commissione Europea

    Il grande giorno è arrivato. Finalmente, dopo mesi di lavoro e di trattative, la...

    Vaccino antitumorale: il via alla fase 2 della sperimentazione

    Il vaccino antitumorale rappresenterebbe un’ottima soluzione per sconfiggere il cancro senza danneggiare le cellule...

    La scienza dietro lo sviluppo di app mobili: 7 cose che dovresti sapere

    Sviluppare la tua prima app mobile può essere sia stimolante che gratificante. Aspettati di...

    National Geographic riconosce ufficialmente l’oceano Antartico

    Al contrario di quello che indica il nome del nostro pianeta madre, la superficie...