Altro

    Suicidio di Robin Williams: una forma di demenza dietro la sua morte

    Robin Williams, stimato attore, lo ricordiamo tutti per le sue splendide interpretazioni: dal più classico Jumanji, a L’uomo bicentenario, al divertentissimo Mrs Doubtfire. Il mondo intero è rimasto sgomento alla notizia del suicidio di Robin Williams, nell’ormai lontano 2014, inizialmente attribuita alla depressione. Un documentario sulla vita dell’attore ha, però, svelato la vera malattia di cui soffriva da tempo Robin Williams: la demenza a corpi di Lewy. Durante la presentazione al Guardian del documentario sulla vita di Robin Williams, la moglie, Susan Schneider, ha asserito: “Ci sono stati tanti malintesi su quello che è successo a Robin e sulla sua malattia“.

    Demenza a corpi di Lewy: la malattia che portò alla morte Robin Williams

    Dunque, il suicidio di Robin Williams non fu frutto della sola depressione. La responsabile vera e propria fu la demenza a corpi di Lewy (o demenza da corpi di Lewy o DLB). La demenza con corpi di Lewy comprende la demenza clinicamente diagnosticata, che comprende i corpi di Lewy, e la demenza da morbo di Parkinson. La DLB comporta un deterioramento cognitivo cronico caratterizzato da inclusioni cellulari, denominate, appunto, corpi di Lewy e che sono situate nel citoplasma dei neuroni corticali.  La demenza del morbo di Parkinson, invece, è il danneggiamento cognitivo caratterizzato da corpi di Lewy nella sostanza nera; si sviluppa tardivamente nel morbo di Parkinson.

    suicidio robin williams
    Cervello affetto da demenza – Credits: Treccani

    La DLB è il terzo tipo di demenza più comune nel mondo e si sviluppa generalmente in pazienti con con età superiore ai 60 anni. La demenza a corpi di Lewy è una malattia neurodegenerativa, una forma di demenza simile alla malattia di Alzheimer, ma ad esordio più precoce, e correlata spesso a quella di Parkinson e a sindromi parkinsoniane. Queste ultime, sono così simili che all’attore, l’anno prima della morte, venne diagnosticato il morbo di Parkinson.

    Sintomi della demenza a corpi di Lewy

    Molti dei sintomi della demenza da corpi di Lewy, sono riconducibili all’Alzheimer e al Parkinson. Tra questi abbiamo le difficoltà motorie e, soprattutto, il decadimento cognitivo. Pertanto, il suicidio di Robin Williams fu, ingenuamente, attribuita a depressione, proprio perché la vera sindrome che lo colpiva determina: disturbi dell’umore, paranoia, delirio, ansia e panico. Sintomi fraintendibili. Non solo, la DLB può provocare anche allucinazioni, disturbi del sonno e aprassia, ovvero difficoltà del movimento volontario. Purtroppo, la diagnosi di demenza da corpi di Lewy giunse solo in seguito all’autopsia. La moglie, al Guardian sottolinea: “Se avessimo avuto la diagnosi accurata della demenza a corpi di Lewy, avrebbe avuto un po’ di pace”. Susan Schneider afferma ciò, ricordando gli attacchi di panico, le paranoie e l’insonnia che stravolgevano quotidianamente gli ultimi mesi di vita dell’attore.

    suicidio robin williams
    Robin Williams

    Curare la demenza a specchi di Lewy

    Purtroppo, per la DLB, come per l’Alzheimer o il Parkinson, non c’è una cura ed è una malattia che tende a degenerare. Durante i mesi precedenti al suicidio, Robin Williams intraprese diverse attività che pensava potessero aiutarlo a sconfiggere la presunta depressione. L’attore, infatti, andava in terapia 4/5 volte a settimana e praticava yoga. Sfortunatamente era ignaro della sua condizione. “La vera tragedia è che Robin non sapeva che non era colpa sua”, commenta il regista Tylor Norwood in un’intervista a Sky News. Per la terapia dei pazienti affetti da demenza a corpi di Lewy si ricorre ai farmaci utilizzati per il Parkinson, gli antipsicotici, gli antidepressivi e a quelli usati per la malattia di Alzheimer. Ad oggi, l’aspettativa di vita stimata per i pazienti affetti da DLB è di circa 8 anni dall’esordio. Alcuni pazienti decedono prima di 6 anni dalla diagnosi, altri superano i 12 anni.

    Cosa condusse Robin Williams alla morte

    Il documentario dedicato a Robin Williams, Robin’s Wish, rivela che la demenza a corpi di Lewy che assediava l’attore era ad uno stadio molto avanzato. I medici che eseguirono l’autopsia commentarono, addirittura, che fu tra i peggiori casi mai visti. Nonostante queste parole, il regista Norwood asserisce che è impossibile dire se Robin Williams si sarebbe suicidato ugualmente se avesse saputo la vera diagnosi, ma di certo la malattia un giorno gli sarebbe stata fatale.

    L’articolo Suicidio di Robin Williams: una forma di demenza dietro la sua morte sembra essere il primo su Biomed CuE.

    Share

    NEL MONDO
    113,991,764
    Casi totali confermati
    Updated on 27 February 2021 07:03
    All countries
    2,529,421
    Morti totali
    Updated on 27 February 2021 07:03

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    2,888,923
    Casi totali confermati
    Updated on 27 February 2021 07:03
    Italy
    2,387,032
    Guariti totali
    Updated on 27 February 2021 07:03
    Italy
    404,664
    Attuali positivi totali
    Updated on 27 February 2021 07:03
    Italy
    97,227
    Morti totali
    Updated on 27 February 2021 07:03

    Ultimi articoli

    Covid, come si calcola l’indice Rt e perché è diventato il metronomo della pandemia

    MathJax.Hub.Config({ tex2jax: { inlineMath: , ], processEscapes: true } }); Molti spesso si chiedono cos’è e come si calcola l’indice Rt...

    Psicologia: quanto è efficace l’EMDR per i bambini?

    L’EMDR con bambini si è rivelato efficace per il trattamento di sintomi causati da avvenimenti traumatici. La Dott.ssa Parisi, psicologo di Torino, ci aiuta...

    Alex Schwazer: archiviato il processo per doping del marciatore azzurro

    Una storia travagliata quella del marciatore Alex Schwazer, il campione olimpico di marcia trovato doppiamente positivo al doping durante la sua carriera da atleta....

    Cure e vaccini

    Covid, come si calcola l’indice Rt e perché è diventato il metronomo della pandemia

    MathJax.Hub.Config({ tex2jax: { inlineMath: , ], processEscapes: true } }); Molti spesso si chiedono cos’è e come si calcola l’indice Rt...

    Psicologia: quanto è efficace l’EMDR per i bambini?

    L’EMDR con bambini si è rivelato efficace per il trattamento di sintomi causati da avvenimenti traumatici. La Dott.ssa Parisi, psicologo di Torino, ci aiuta...

    Alex Schwazer: archiviato il processo per doping del marciatore azzurro

    Una storia travagliata quella del marciatore Alex Schwazer, il campione olimpico di marcia trovato doppiamente positivo al doping durante la sua carriera da atleta....

    ASMR: perchè sento un formicolio al cervello?

    Tamburellare le unghie su un libro, pettinare i capelli, sussurri. Questi sono solo alcuni di quei fenomeni che possono causare una sorta di formicolio...

    Il futuro dell’alimentazione: verdure stampate in 3D per chi soffre di disfagia

    Quante volte ti sarà capitato di essere obbligato a mangiare verdure quando eri piccolo? Questi cibi, ricchi di sostanze nutritive per il nostro organismo,...

    ClearFit, l’impianto che permette l’uso di ultrasuoni per l’imaging cerebrale

    La società di tecnologie mediche Longeviti Neuro Solutions, con sede nel Maryland, il 26 gennaio 2021 ha annunciato una nuova autorizzazione dalla Food and...

    Articoli correlati

    Covid, come si calcola l’indice Rt e perché è diventato il metronomo della pandemia

    MathJax.Hub.Config({ tex2jax: { inlineMath: , ], processEscapes: true } }); Molti...

    Psicologia: quanto è efficace l’EMDR per i bambini?

    L’EMDR con bambini si è rivelato efficace per il trattamento di sintomi causati da...

    Alex Schwazer: archiviato il processo per doping del marciatore azzurro

    Una storia travagliata quella del marciatore Alex Schwazer, il campione olimpico di marcia trovato...

    Governo Draghi: nasce il Comitato per la transizione digitale

    Il Governo Draghi si è ormai insediato quasi due settimane fa, il 13 febbraio...