Altro

    Perché si usa il pietrisco lungo i binari ferroviari?

    ballast lungo i binari

    Vi siete mai chiesti perché i binari della ferrovia si poggiano su una distesa di pietruzze aguzze? Non importa in quale parte del mondo vi troviate, se siete in stazione ad aspettare il treno, sicuramente sotto di voi potete osservare il famoso pietrisco. Ma qual è la sua funzione? È veramente indispensabile?

    Il pietrisco delle ferrovie, meglio noto come ballast

    Le pietruzze intorno ai binari dei treni sono note col termine tecnico “ballast” o “massicciata”. Hanno delle caratteristiche ben precise, a cominciare dalla loro natura. Il ballast è composto da pietre silicee estratte con l’aiuto di esplosivi nelle cave di pietra. Successivamente, i frammenti rocciosi vengono posti a vaglio. La singola pietruzza che forma il ballast, infatti, deve avere diametro medio compreso fra i 2 e i 9 cm. Inoltre, ciascun elemento deve essere non-smooth, ovvero le pietre devono essere aguzze e avere una forma irregolare.

    esempio di ballast
    Classico esempio di “massicciata”. Ogni singolo pezzo ha punte aguzze e diametro medio non superiore ai 9 cm.

    Come viene disposto il ballast sui binari?

    Grazie a degli autocarri, il ballast viene trasportato nel sito ferroviario e viene disposto in maniera uniforme nel “letto di pietrisco”, una fossa profonda in media 30 cm. Dopo una prima gettata di pietrisco, vengono poste traverse e rotaie. Successivamente si dispone altro ballast intorno alle traverse e all’esterno delle rotaie.

    Questa non è un’operazione che si fa solo una volta nella vita. Infatti, in media ogni trenta anni, il ballast deve essere sostituito perché troppo usurato dalle vibrazioni o intriso di fanghiglia e altri residui.

    Ma a cosa serve il ballast e perché è così importante?

    La massicciata che vediamo sui binari delle ferrovia è di fondamentale importanza per il corretto funzionamento della ferrovia stessa. Possiamo individuare ben 7 motivi diversi per i quali il ballast è usato in tutte le ferrovie del mondo.

    In primis, le pietruzze appuntite e irregolari servono a tenere bloccate le traverse. Infatti, nonostante queste ultime siano fissate alle rotaie, al passaggio del treno l’impianto è sottoposto ad una forte pressione, che combinata con la velocità del mezzo, crea violente vibrazioni. Se non ci fosse il ballast, a lungo andare, le rotaie si staccherebbero dalle traverse, facendo di fatto collassare l’intero impianto.

    La seconda funzione è legata all’imponente massa dei treni. Il ballast contribuisce a distribuire la pressione esercitata dal mezzo sulle rotaie e sulle traverse. Così facendo, è il pietrisco a deformarsi, e non le rotaie.

    La massicciata come comfort del viaggiatore

    Sembra strano, eppure il ballast migliora di gran lunga il comfort di chi viaggia sul treno. Infatti, le pietruzze assorbono completamente le vibrazioni che si creano quando il treno passa sulle rotaie, garantendo a chiunque sia sul treno un viaggio comodo privo di continui sobbalzi e fastidiose vibrazioni dei sedili.

    Pietruzze, drenaggio e assenza di vegetazione

    La quarta funzione è forse quella più importante: il ballast evita che i binari si allaghino in seguito a forti piogge o inondazioni. Se ci fate caso, durante i giorni di pioggia, l’acqua si accumula all’esterno del binario, poiché viene automaticamente drenata dalla massicciata.

    La compattezza del ballast contribuisce inoltre a rendere i binari sgombri da qualsiasi tipo di vegetazione e piccoli arbusti. Infatti, se fra le traverse ci fosse terreno fertile, potrebbero crescere diversi tipi di piante che minerebbero il corretto passaggio del treno.

    assenza di vegetazione tramite ballast
    Una corretta gestione della ferrovia non consente alle piante di crescere fra le rotaie, grazie all’uso del pietrisco.

    Ballast e riduzione del rumore

    Il sesto beneficio dell’utilizzo della massicciata è quello legato all’assorbimento del rumore. Infatti, le caratteristiche del ballast contribuiscono a ridurre le vibrazioni delle rotaie, minimizzando il già fragoroso frastuono che il passaggio del treno produce. La differenza è sostanziale e si può apprezzare quando il treno passa su binari poveri di pietruzze.

    La dilatazione termica, il peggior nemico delle rotaie

    Durante i mesi estivi le rotaie possono raggiungere temperature prossime ai 60° C. Questo scatena il fenomeno fisico noto come dilatazione termica. Materiali metallici, come le rotaie, se soggetti ad alte temperature, aumentano il proprio volume, deformandosi.

    Rotaie deformata dalla dilatazione termica.
    Rotaie deformata dalla dilatazione termica.

    Appare chiara quindi anche la settima funzione del ballast. La massicciata minimizza la dilatazione termica delle rotaie, grazie alla densità del pietrisco. Infatti, essendo le rotaie completamente circondate dalle pietruzze, la dilatazione termica non ha abbastanza spazio per compiersi, garantendo la massima sicurezza dell’intero impianto.

    Perché si usa il pietrisco lungo i binari ferroviari?

    Share

    NEL MONDO
    179,911,846
    Casi totali confermati
    Updated on 23 June 2021 03:50
    All countries
    3,897,376
    Morti totali
    Updated on 23 June 2021 03:50

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    4,254,294
    Casi totali confermati
    Updated on 23 June 2021 03:50
    Italy
    4,054,008
    Guariti totali
    Updated on 23 June 2021 03:50
    Italy
    72,964
    Attuali positivi totali
    Updated on 23 June 2021 03:50
    Italy
    127,322
    Morti totali
    Updated on 23 June 2021 03:50

    Ultimi articoli

    PNRR italiano, arriva l’approvazione della Commissione Europea

    Il grande giorno è arrivato. Finalmente, dopo mesi di lavoro e di trattative, la Commissione Europea ha approvato il Piano Nazionale di Ripresa e...

    Vaccino antitumorale: il via alla fase 2 della sperimentazione

    Il vaccino antitumorale rappresenterebbe un’ottima soluzione per sconfiggere il cancro senza danneggiare le cellule sane. Più in dettaglio si tratta di un vaccino contro...

    La scienza dietro lo sviluppo di app mobili: 7 cose che dovresti sapere

    Sviluppare la tua prima app mobile può essere sia stimolante che gratificante. Aspettati di imparare molto e di fare molti errori inaspettati. Ti sei...

    Cure e vaccini

    Vaccino antitumorale: il via alla fase 2 della sperimentazione

    Il vaccino antitumorale rappresenterebbe un’ottima soluzione per sconfiggere il cancro senza danneggiare le cellule sane. Più in dettaglio si tratta di un vaccino contro...

    La scienza dietro lo sviluppo di app mobili: 7 cose che dovresti sapere

    Sviluppare la tua prima app mobile può essere sia stimolante che gratificante. Aspettati di imparare molto e di fare molti errori inaspettati. Ti sei...

    National Geographic riconosce ufficialmente l’oceano Antartico

    Al contrario di quello che indica il nome del nostro pianeta madre, la superficie terrestre è principalmente ricoperta da acqua. Circa il 70 per...

    Qual è la tecnologia dietro l’apprendimento mobile?

    Qual è la scienza dietro l’apprendimento mobile? Attenzione: l’apprendimento mobile può creare dipendenza! Un’esagerazione, forse, ma con elementi aggiunti come la gamification, gli studenti possono sicuramente...

    Amazon Prime Day 2021: le offerte consigliate da ScienceCuE

    Come ogni anno è arrivato l’Amazon Prime Day: i due giorni dedicati alle offerte per i clienti Amazon Prime. Anche quest’anno le offerte sono...

    Le ragnatele possono fermare un Boeing 747 che viaggia a 320 km/h?

    La natura spesso ispira gli esseri umani a imitarne i concetti e dare vita a nuove invenzioni. Le ragnatele dei nostri amici a otto...

    Articoli correlati

    PNRR italiano, arriva l’approvazione della Commissione Europea

    Il grande giorno è arrivato. Finalmente, dopo mesi di lavoro e di trattative, la...

    Vaccino antitumorale: il via alla fase 2 della sperimentazione

    Il vaccino antitumorale rappresenterebbe un’ottima soluzione per sconfiggere il cancro senza danneggiare le cellule...

    La scienza dietro lo sviluppo di app mobili: 7 cose che dovresti sapere

    Sviluppare la tua prima app mobile può essere sia stimolante che gratificante. Aspettati di...

    National Geographic riconosce ufficialmente l’oceano Antartico

    Al contrario di quello che indica il nome del nostro pianeta madre, la superficie...