Altro

    Quali mascherine preferire, quali sono le più versatili e quali le più protettive?

    La pandemia da ormai più di un anno ha letteralmente scombussolato e cambiato la vita di tutti i giorni a tutti noi. Adesso l’utilizzo delle mascherine rientra nelle nuove abitudini che abbiamo dovuto acquisire e praticare, proprio per riuscire a proteggerci efficacemente dal “Covid”. Certamente il loro utilizzo non deve far trascurare le ulteriori misure di sicurezza e igieniche, visto che sono i mezzi più utili e sicuri per aiutarci a tutelarci dal contagio.

    Molti individui preferiscono scegliere le mascherine online, facendosele recapitare direttamente a casa. Altri invece le comperano negli appositi esercizi commerciali, in modo tale da vederle dal vivo o se si ha fretta e non si può attendere l’arrivo del pacco. In entrambi i casi l’aspetto fondamentale, come è stato sottolineato poc’anzi, è quello della sicurezza che si può ottenere soltanto da determinati modelli di mascherina.

    Quali sono le mascherine più sicure?

    Il fatto che tuttora il dilagarsi del “Coronavirus” non si sia ancora arrestato e che conseguentemente sia ancora necessario indossare obbligatoriamente la “mascherina”, ci porta a chiederci quali siano i tipi veramente protettivi per la nostra salute, ma anche per quella altrui. Per poter comprendere se un modello sia effettivamente efficace e sicuro oppure no, bisogna prima considerare un insieme di fattori essenziali che possono notevolmente influire sulla validità o meno del prodotto.

    Il primo passo che bisogna effettuare per riuscire a capire se si tratta di modelli affidabili, è sicuramente quello di controllare se il tipo che ci interessa sia provvisto di attestazione e dell’apposita certificazione.
    Dunque prima di acquistare, è importante svolgere delle precise esaminazioni dell’articolo in questione: deve essere a norma, con una filtrazione funzionante e sicura e ovviamente deve disporre del marchio “CE”.

    Quali sono le mascherine più idonee al posto in cui vi trovate

    Attualmente si sentono nominare parecchio queste tre tipologie: chirurgiche, “DPI” e il genere che si può lavare per riutilizzarlo, ovvero quello in tessuto. Tutte hanno delle peculiarità ragguardevoli e di grande utilità per riuscire a combattere in maniera valida il diffondersi del virus, ma contemporaneamente ognuna di queste presenta delle particolarità che le rende adatte soltanto in precise circostanze. È fondamentale tener presente l’ambito in cui si andrà a indossarle, prima di propendere per una o le altre tipologie. Difatti gli ambienti possono essere suddivisi in tre fasce di pericolosità per quanto riguarda i contagi: basso, medio e alto.

    Nei contesti giornalieri maggiormente sicuri si consiglia di utilizzare la tipologia chirurgica, visto che tutela unicamente coloro che vi sono intorno. Se in questa situazione volete allo stesso tempo proteggere pure voi stessi, allora dovrete assicurarvi che anche le persone attorno a voi indossino in maniera corretta lo stesso tipo di “mascherina”. I modelli da adoperare in una comunità possono essere in “tessuto” oppure di un genere di materiale tecnico, ma se non si riesce a visualizzare l’etichetta o la confezione automaticamente non si può risalire alla potenzialità inerente la filtrazione.

    Se invece vi trovate in ambientazioni ad alto rischio di contagio, allora si consigliano sicuramente le mascherine “DPI” che includono pure le “FFP2”. Questo modello, infatti, non solo protegge voi stessi che l’indossate, ma anche le persone nelle vostre vicinanze. Tale serie comprende finanche le “FFP3” che sono ancora più sicure e che, generalmente, vengono adoperate dal settore sanitario.

    Un argomento a parte sono le “mascherine” in tessuto che si possono lavare e poi riutilizzare.
    Questo genere non impedisce il contagio da altri individui, ma diminuisce considerevolmente il pericolo di contagiare.

    Quali sono le prossime tendenze per le mascherine

    Oggigiorno molteplici donne ma anche molte componenti maschili, dovendola indossare obbligatoriamente come tutti per la protezione della propria persona e degli altri, hanno deciso di rendere la “mascherina” un accessorio alla moda in aggiunta alla sua prima funzione che corrisponde a quella di proteggere. Trasformandola così in un vero e proprio capo d’abbigliamento da abbinare al proprio “outfit”. “Mascherine” realizzate con materiali raffinati e modaioli che andranno un po’ ad alleggerire il motivo principale per cui bisogna metterle.

    Tra le tendenze che andranno alla grande ci sono indubbiamente quei modelli realizzati con un raffinato “tulle” o con la romantica aggiunta del “pizzo”, che vi permettono di inserire in una parte interna un’ulteriore “mascherina” ma del tipo “chirurgico”. Così potrete sentirvi chic e “fashion” ma pure tutelati.
    Pertanto considerando che non si può fare a meno della “mascherina”, almeno si cerca di renderla “glamour” basandosi ovviamente anche sulla propria personalità e sui gusti personali.

    Anche in passerella si sono adeguati e tutte le firme note nel mondo della moda hanno voluto lanciare le proprie proposte di “mascherine” incentrate sull’originalità e sulla raffinatezza. Alcune impreziosite da ornamenti preziosi o solo dal logo. Certamente le appassionate del settore non si lasceranno scappare i modelli di tendenza e “griffati”, per non passare inosservate e per la gioia di poter rindossare una “mascherina” che sia protettiva ma pure “cool”.

    Quale tipologia comprare

    Le accortezze di scelta della “mascherina” migliore da acquistare in “farmacia” o anche “online” sono molto semplici. Prima di tutto bisogna controllare che abbiano la capacità di aderire il più possibile alla linea del vostro volto. Poi se si ha la possibilità, si devono preferire quei modelli che hanno il filtro per l’aria. In più ci si deve accertare che ci siano le certificazioni richieste per corrispondere a un genere sicuro.

    Considerazioni finali

    Fin quando non riusciremo a liberarci dal rischio del contagio, è essenziale attenersi in maniera scrupolosa a tutte le indicazioni utili per poter fare l’acquisto giusto e più adeguato per preservare il proprio stato di salute e quello altrui. Quindi usate sempre solo i dispositivi che fanno da scudo nel modo più corretto e acquistateli presso aziende certificate come MaskHaze, per esempio, per avere un largo controllo sulla protezione vostra e dei vostri cari. Infine, oltre a scegliere la “mascherina” giusta e più sicura, si deve ricordare di indossarla in modo corretto per un funzionamento efficace.

    L’articolo Quali mascherine preferire, quali sono le più versatili e quali le più protettive? sembra essere il primo su Biomed CuE | Close-up Engineering.

    Share

    NEL MONDO
    179,912,915
    Casi totali confermati
    Updated on 23 June 2021 04:51
    All countries
    3,897,391
    Morti totali
    Updated on 23 June 2021 04:51

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    4,254,294
    Casi totali confermati
    Updated on 23 June 2021 04:51
    Italy
    4,054,008
    Guariti totali
    Updated on 23 June 2021 04:51
    Italy
    72,964
    Attuali positivi totali
    Updated on 23 June 2021 04:51
    Italy
    127,322
    Morti totali
    Updated on 23 June 2021 04:51

    Ultimi articoli

    PNRR italiano, arriva l’approvazione della Commissione Europea

    Il grande giorno è arrivato. Finalmente, dopo mesi di lavoro e di trattative, la Commissione Europea ha approvato il Piano Nazionale di Ripresa e...

    Vaccino antitumorale: il via alla fase 2 della sperimentazione

    Il vaccino antitumorale rappresenterebbe un’ottima soluzione per sconfiggere il cancro senza danneggiare le cellule sane. Più in dettaglio si tratta di un vaccino contro...

    La scienza dietro lo sviluppo di app mobili: 7 cose che dovresti sapere

    Sviluppare la tua prima app mobile può essere sia stimolante che gratificante. Aspettati di imparare molto e di fare molti errori inaspettati. Ti sei...

    Cure e vaccini

    Vaccino antitumorale: il via alla fase 2 della sperimentazione

    Il vaccino antitumorale rappresenterebbe un’ottima soluzione per sconfiggere il cancro senza danneggiare le cellule sane. Più in dettaglio si tratta di un vaccino contro...

    La scienza dietro lo sviluppo di app mobili: 7 cose che dovresti sapere

    Sviluppare la tua prima app mobile può essere sia stimolante che gratificante. Aspettati di imparare molto e di fare molti errori inaspettati. Ti sei...

    National Geographic riconosce ufficialmente l’oceano Antartico

    Al contrario di quello che indica il nome del nostro pianeta madre, la superficie terrestre è principalmente ricoperta da acqua. Circa il 70 per...

    Qual è la tecnologia dietro l’apprendimento mobile?

    Qual è la scienza dietro l’apprendimento mobile? Attenzione: l’apprendimento mobile può creare dipendenza! Un’esagerazione, forse, ma con elementi aggiunti come la gamification, gli studenti possono sicuramente...

    Amazon Prime Day 2021: le offerte consigliate da ScienceCuE

    Come ogni anno è arrivato l’Amazon Prime Day: i due giorni dedicati alle offerte per i clienti Amazon Prime. Anche quest’anno le offerte sono...

    Le ragnatele possono fermare un Boeing 747 che viaggia a 320 km/h?

    La natura spesso ispira gli esseri umani a imitarne i concetti e dare vita a nuove invenzioni. Le ragnatele dei nostri amici a otto...

    Articoli correlati

    PNRR italiano, arriva l’approvazione della Commissione Europea

    Il grande giorno è arrivato. Finalmente, dopo mesi di lavoro e di trattative, la...

    Vaccino antitumorale: il via alla fase 2 della sperimentazione

    Il vaccino antitumorale rappresenterebbe un’ottima soluzione per sconfiggere il cancro senza danneggiare le cellule...

    La scienza dietro lo sviluppo di app mobili: 7 cose che dovresti sapere

    Sviluppare la tua prima app mobile può essere sia stimolante che gratificante. Aspettati di...

    National Geographic riconosce ufficialmente l’oceano Antartico

    Al contrario di quello che indica il nome del nostro pianeta madre, la superficie...