Altro

    Pandemia da Covid-19: a che punto siamo?

    Il “rischio calcolato”, l’ormai celebre definizione con cui Draghi presentò le riaperture del 26 aprile, si è dimostrato un ragionamento corretto. Non sapremo mai quanto sia stato effettivamente un calcolo e quanto una fortunosa scommessa vinta, ma quello che importa è il calo così drastico dei numeri relativi al Covid-19, probabilmente oltre ogni più rosea aspettativa.

    Covid-19: non così lontani dai numeri della scorsa estate

    Un mese fa contavamo circa 15mila casi al giorno. Oggi siamo a meno di 3mila. Tutta l’Italia, a parte la Valle d’Aosta, ha numeri da zona bianca, ovvero un’incidenza settimanale al di sotto dei 50 casi ogni 100000 abitanti, con il Molise a 9 e la Valle d’Aosta a 56, rispettivamente con il dato più basso e alto. A fine aprile, salvo poche eccezioni, tutte le regioni avevano un’incidenza settimanale tra 100 e 200, la Valle d’Aosta, purtroppo, oltre 250.

    Insomma, un calo drastico che ci riavvicina significativamente a quelli che erano i numeri, molto bassi, della scorsa estate. È, però, ancora presto per fare un paragone con lo scorso anno, per quel che riguarda i nuovi casi, vista la scarsissima disponibilità di tamponi al tempo. Ma certo è che, seppur restando su livelli leggermente superiori, non siamo lontanissimi dai numeri della scorsa estate.

    Un calo dei decessi

    Sul fronte decessi continua il calo. Forse meno vigoroso di quanto ci si potesse aspettare, ma questo è dovuto alle tempistiche con cui vengono messi a referto i numeri. Da giorni, per esempio, il Piemonte comunica al massimo una decina di decessi quotidiani, tutti riferiti a giorni precedenti. Questo, a titolo di esempio, per spiegare come sia impossibile fare un’analisi puntuale di questo indicatore. Il trend, fortunatamente, resta comunque in forte discesa.

    Altra buona notizia: sia i ricoveri che le terapie intensive stanno crollando

    Covid-19

    Inizia a farsi sentire anche su questo parametro l’effetto del vaccino. Giusto per far parlare i numeri: il 28 maggio 2020 i ricoverati erano 7379 con 530 nuovi casi in media al giorno, il 28 maggio 2021 invece 7192 ricoverati con però 3747 contagi medi. Diverso il discorso delle terapie intensive, ancora circa il doppio di fine maggio 2020. Ma, ed è il dato più bello, da giorni i nuovi ingressi giornalieri sono al minimo storico: dai 300 di fine marzo, ai circa 30/40 dell’ultima settimana!

    Covid-19: in Gran Bretagna si rialzano i numeri

    Per settimane abbiamo guardato al Regno Unito come “finestra” sul futuro a cui ambire: bene, proprio dagli inglesi arriva un piccolo ma non trascurabile campanello d’allarme. Da poco più di una settimana i casi sono nuovamente in rialzo, passando da poco meno di 2mila a quasi 4mila di media.

    Covid-19

    Numeri ancora relativamente bassi, ma è un trend non esattamente tranquillizzante se a breve non dovesse venire interrotto. Se, come pare, questo rimbalzo è dovuto unicamente ai maggiori contagi che la nuova variante indiana (cioè la variante della variante) fa tra i non vaccinati possiamo stare tranquilli, viceversa, se “bucasse” l’effetto del vaccino potrebbe essere più problematico. Al momento però non c’è nessuna prova in questo senso.

    Il Regno Unito sta vivendo questa nuova salita dopo che, raggiunta quota 2mila casi, la discesa si è schiantata in una lunga fase di numeri costanti. Noi ora siamo a quel livello di contagi: sarà molto interessante vedere se continueremo a scendere o se anche noi vivremo diverse settimane sempre intorno a 1500/2000 casi, possibile preludio di una nuova risalita.

    I vaccini anti Covid-19 continuano spediti

    Capitolo vaccini: finalmente (era ora!) da circa 10 giorni la media settimanale mantiene le 500k dosi giorno. Vaccinati al 90% gli over 80, quasi all’80% i settantenni. Più indietro i sessantenni (70%) mentre stanno entrando nel vivo le vaccinazioni degli under 50. Da segnalare che il 40% degli italiani ha ricevuto almeno una dose, il 20% circa entrambe. Numeri che iniziano a essere importanti, ma che ancora non sono sufficienti per festeggiare lo “scampato pericolo”.

    A cura di Alessandro Aimasso

    Share

    NEL MONDO
    179,912,915
    Casi totali confermati
    Updated on 23 June 2021 04:51
    All countries
    3,897,391
    Morti totali
    Updated on 23 June 2021 04:51

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    4,254,294
    Casi totali confermati
    Updated on 23 June 2021 04:51
    Italy
    4,054,008
    Guariti totali
    Updated on 23 June 2021 04:51
    Italy
    72,964
    Attuali positivi totali
    Updated on 23 June 2021 04:51
    Italy
    127,322
    Morti totali
    Updated on 23 June 2021 04:51

    Ultimi articoli

    PNRR italiano, arriva l’approvazione della Commissione Europea

    Il grande giorno è arrivato. Finalmente, dopo mesi di lavoro e di trattative, la Commissione Europea ha approvato il Piano Nazionale di Ripresa e...

    Vaccino antitumorale: il via alla fase 2 della sperimentazione

    Il vaccino antitumorale rappresenterebbe un’ottima soluzione per sconfiggere il cancro senza danneggiare le cellule sane. Più in dettaglio si tratta di un vaccino contro...

    La scienza dietro lo sviluppo di app mobili: 7 cose che dovresti sapere

    Sviluppare la tua prima app mobile può essere sia stimolante che gratificante. Aspettati di imparare molto e di fare molti errori inaspettati. Ti sei...

    Cure e vaccini

    Vaccino antitumorale: il via alla fase 2 della sperimentazione

    Il vaccino antitumorale rappresenterebbe un’ottima soluzione per sconfiggere il cancro senza danneggiare le cellule sane. Più in dettaglio si tratta di un vaccino contro...

    La scienza dietro lo sviluppo di app mobili: 7 cose che dovresti sapere

    Sviluppare la tua prima app mobile può essere sia stimolante che gratificante. Aspettati di imparare molto e di fare molti errori inaspettati. Ti sei...

    National Geographic riconosce ufficialmente l’oceano Antartico

    Al contrario di quello che indica il nome del nostro pianeta madre, la superficie terrestre è principalmente ricoperta da acqua. Circa il 70 per...

    Qual è la tecnologia dietro l’apprendimento mobile?

    Qual è la scienza dietro l’apprendimento mobile? Attenzione: l’apprendimento mobile può creare dipendenza! Un’esagerazione, forse, ma con elementi aggiunti come la gamification, gli studenti possono sicuramente...

    Amazon Prime Day 2021: le offerte consigliate da ScienceCuE

    Come ogni anno è arrivato l’Amazon Prime Day: i due giorni dedicati alle offerte per i clienti Amazon Prime. Anche quest’anno le offerte sono...

    Le ragnatele possono fermare un Boeing 747 che viaggia a 320 km/h?

    La natura spesso ispira gli esseri umani a imitarne i concetti e dare vita a nuove invenzioni. Le ragnatele dei nostri amici a otto...

    Articoli correlati

    PNRR italiano, arriva l’approvazione della Commissione Europea

    Il grande giorno è arrivato. Finalmente, dopo mesi di lavoro e di trattative, la...

    Vaccino antitumorale: il via alla fase 2 della sperimentazione

    Il vaccino antitumorale rappresenterebbe un’ottima soluzione per sconfiggere il cancro senza danneggiare le cellule...

    La scienza dietro lo sviluppo di app mobili: 7 cose che dovresti sapere

    Sviluppare la tua prima app mobile può essere sia stimolante che gratificante. Aspettati di...

    National Geographic riconosce ufficialmente l’oceano Antartico

    Al contrario di quello che indica il nome del nostro pianeta madre, la superficie...