Altro

    COVID-19: complicanze neurologiche a lungo termine

    Nel complesso, gli studi hanno confermato che il COVID-19 può infettare il cervello direttamente e indirettamente. 

    Le infezioni da SARS-CoV-2 possono variare da lievi a gravi con diversi disturbi neurologici, tra cui ipossia, anosmia, disgeusia, meningite, encefalite e convulsioni. 

    I pazienti con infezione da COVID-19 classificata come grave corrono un rischio maggiore di avere complicanze neurologiche a lungo termine senza un trattamento efficace attualmente disponibile.

    Il ruolo di ACE2 nell’invasione neurale di COVID-19

    L’enzima di conversione dell’angiotensina 2 (ACE2) è un attore fondamentale nel consentire a SARS-CoV-2 di entrare nel cervello. La proteina spike del virus SARS-CoV-2 si lega ai recettori ACE2 sulle cellule ospiti.

    Covid-19, recettore ACE2

    Il legame di SARS-CoV-2 ad ACE2 ostacola la capacitá di ACE2 di convertire l’angiotensina II in angiotensina. Se lasciato non convertito, un accumulo di angiotensina II può aumentare i processi ossidativi che creano degenerazione cerebrale.

    ACE2 si trova in molte cellule oltre i polmoni. Ad esempio, il recettore è stato rilevato nelle cellule della cavità nasale e del rinofaringe, nelle cellule gliali e nei neuroni del tronco cerebrale (un’area che controlla la funzione cardiovascolare e respiratoria).

    “Con la crescente evidenza clinica che le implicazioni neurologiche mostrate dai pazienti infetti da SARS-CoV-2 potrebbero non essere casuali, i medici sono invitati a essere più diligenti nell’individuare i primi segni di sintomi neurologici che possono essere forti indicazioni della gravità dell’infezione”

    Yew et al. (2021), Tropical Biomedicine

    Fisiopatologia: come SARS-CoV-2 penetra nel cervello?

    L’ingresso diretto al cervello è probabilmente dovuto al trasporto assonale attraverso la via neurogena. SARS-CoV-2 potrebbe entrare attraverso specifici nervi periferici, come le fibre nervose olfattive, poiché le persone infette da COVID-19 tendono a segnalare la perdita dell’olfatto (anosmia) o del gusto (ageusia).

    Diversi studi suggeriscono che il tronco cerebrale potrebbe essere la destinazione del virus dopo aver viaggiato dalla cavità nasale. In effetti, SARS-CoV-2 è risultato essere molto diffuso in quest’area.

     Inoltre, i nervi vaghi possono fungere da via di ingresso poiché contengono fibre nervose che innervano parti della cavità nasale e parte della trachea e dei polmoni.

    “Poiché il senso del gusto è un’interazione accoppiata tra i sistemi olfattivo e trigemino, questa via di trasmissione di SARS-CoV-2 potrebbe essere un fattore che contribuisce all’elevato numero di pazienti COVID-19 che presentano sintomi di anosmia e disgeusia”.

    Yew et al. (2021), Tropical Biomedicine

    Un modo alternativo di penetrazione del virus nell’encefalo è attraverso la barriera emato-encefalica (via ematogena). 

    Via ematogena entrata COVID-19

    Anche altri coronavirus come il virus dell’epatite murina hanno utilizzato questa via per entrare nel cervello.

    Infettando le cellule endoteliali o altre cellule del sangue periferico che “accostano”  la barriera emato-encefalica, SARS-CoV-2 può probabilmente attraversare e trasmigrare al cervello attraverso il flusso sanguigno. Se è così, questo potrebbe spiegare il danno neurovascolare nei pazienti con COVID-19.

    Ingresso virale di COVID-19 indiretto nel cervello

    SARS-CoV-2, come qualsiasi virus, stimola il sistema immunitario a rispondere e difendere il corpo. Ma il sistema immunitario agisce come un’arma a doppio taglio poiché l’attivazione immunitaria prolungata può dare origine a tempeste di citochine che danneggiano le cellule e le strutture vicine come la barriera emato-encefalica.

    L’infiammazione prolungata può portare ad insufficienza d’organo e morte nei casi più gravi. Nel cervello, l’infiammazione indotta da COVID-19 ha aumentato le segnalazioni di sintomi simili alla sindrome di Guillain-Barré, una malattia autoimmune che attacca le cellule nervose sane.

    Un altro metodo indiretto è ridurre l’apporto di ossigeno al cervello tramite l’ipossia. L’infezione da COVID-19 può causare il cedimento dei polmoni e aumentare il rischio di distress respiratorio.

    Manifestazioni neurologiche da infezione da COVID-19

    Una delle complicanze neurologiche più comunemente riportate è la perdita del gusto e dell’olfatto. Tuttavia, possono insorgere complicazioni più gravi, tra cui meningite, encefalite, mielite, convulsioni e ictus ischemico.

    Sebbene sia ancora troppo presto per comprendere a pieno gli effetti a lungo termine dell’infezione da COVID-19, studi precedenti su SARS e MERS possono aiutare a prevedere la probabilità di complicanze neurologiche persistenti. Ad esempio, i pazienti infettati da uno di questi coronavirus hanno sviluppato disturbo ossessivo-compulsivo, depressione, disturbi di panico e altro.

    COVID-19

    Esiste anche il rischio di problemi neurocognitivi da disturbi demielinizzanti simili alla sclerosi multiplaLe tempeste di citochine da un sistema immunitario iperattivo possono aumentare il rischio di ictus, che può causare danni alla memoria, all’attenzione e alla velocità nell’elaborazione delle informazioni.

    La sindrome neurologica post-COVID-19 (PCNS) è il risultato delle conseguenze a lungo termine del virus SARS-CoV-2 sul cervello. La ricerca attuale ha scoperto che si accumulano agenti pro-infiammatori come IFN-γ, IL-7 e altre citochine che possono causare depressione post-ictus. 

    Altri sintomi del PCNS possono includere affaticamento cronico, depressione, apatia e problemi cognitivi. I ricercatori suggeriscono che la PCNS influenzerà probabilmente gli adulti più giovani piuttosto che quelli più anziani, indicando un problema di salute potenzialmente enorme in futuro.

    L’articolo COVID-19: complicanze neurologiche a lungo termine sembra essere il primo su Biomed CuE | Close-up Engineering.

    Share

    NEL MONDO
    262,334,864
    Casi totali confermati
    Updated on 30 November 2021 02:42
    All countries
    5,224,009
    Morti totali
    Updated on 30 November 2021 02:42

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    5,015,790
    Casi totali confermati
    Updated on 30 November 2021 02:42
    Italy
    4,692,408
    Guariti totali
    Updated on 30 November 2021 02:42
    Italy
    189,643
    Attuali positivi totali
    Updated on 30 November 2021 02:42
    Italy
    133,739
    Morti totali
    Updated on 30 November 2021 02:42

    Ultimi articoli

    Cure e vaccini

    Articoli correlati

    Cosa sappiamo della congettura di Riemann dopo 150 anni?

    Un fisico italiano e uno statunitense, dopo ben 150 anni, sono stati in grado...

    Fenomeni meteorologici estremi nel Mar Mediterraneo e in Italia

    In quest’ultimo anno, si sono verificati molteplici fenomeni meteorologici estremi al largo delle coste...

    Covid: nuova variante sudafricana “omicron” raggiunge l’Europa

    La pandemia da covid non si ferma, il Ministro della salute, Roberto Speranza, “Stop...

    Lo schiocco di dita di Thanos è fisicamente impossibile, anche nel MCU

    Questo articolo contiene spoiler! Quando si parla di supereroi sembra ridicolo parlare anche di...