Altro

    Covid: nuova variante sudafricana “omicron” raggiunge l’Europa

    La pandemia da covid non si ferma, il Ministro della salute, Roberto Speranza, “Stop arrivi in Italia da 7 Paesi”, per la nuova variante omicron giunta in Europa. I Paesi interessati dalla nuova ordinanza sono Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia, Eswatini. Infatti, la nuova variante del covid “omicron” proviene proprio dal Sud Africa. In Olanda, 61 passeggeri di rientro dal Sud Africa sono risultati positivi, c’è inoltre un caso individuato in Belgio. L’Europa è in allerta.

    Cosa sappiamo sulla nuova variante del covid detta “omicron”

    Secondo l’Oms la nuova variante covid “omicron” non è da sottovalutare, anzi risulta essere “preoccupante”, tanto che dal prossimo 3 Dicembre, lo New York sarà di nuovo in stato d’emergenza. Della nuova variante del covid sudafricana sappiamo che ne era già stata isolata una prima mutazione, la variante Beta. L’attuale mutazione, la “Nu” invece dovrebbe essere il risultato di più mutazioni. Infatti, la omicron ha 32 mutazioni della proteina Spike, che potrebbero teoricamente aumentarne la trasmissibilità e la capacità di eludere gli anticorpi Secondo un alto funzionario inglese, è la più significativa scoperta finora fatta dagli scienziati. Essi temono che la nuova variante covid, nota come B.1.1.529, (più semplicemente omicron), possa essere più trasmissibile e più in grado di eludere i vaccini.

    variante covid sudafricana omicron

    A proposito delle 32 mutazioni della proteina spike, in una circolare alle regioni firmata dal direttore alla prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza si legge: “Si teme che l’elevato numero di mutazioni della proteina spike possa portare a un cambiamento significativo delle proprietà antigeniche del virus. Finora non sono state effettuate caratterizzazioni virologiche e non ci sono prove di modificazioni nella trasmissibilità, nella gravità dell’infezione, o nella potenziale evasione della risposta immunitaria”.

    La parola agli esperti sulla nuova variante covid, nota come omicron

    Jenny Harries, amministratore delegato dell’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (Ukhsa), afferma: “Questa è la variante più significativa che abbiamo incontrato fino ad oggi e sono in corso ricerche urgenti per saperne di più sulla sua trasmissibilità, gravità e suscettibilità ai vaccini“. Gli scienziati stanno esaminando “quali azioni di salute pubblica possono limitare l’impatto della nuova variante covid “omicron”. In Italia, la situazione sembra ancora essere sotto controllo.

    Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, durante il congresso oncologico Marcangolo in corso a Senigallia, ha spiegato che: “Al momento non ci sono dati sufficienti che ci indichino innanzitutto la trasmissibilità e in secondo luogo se la variante eluda o meno i vaccini attualmente disponibili. È chiaro che allora sarebbe un problema: al momento è presto e non è presente in Italia, ma va attenzionata».

    nuova variante covid sudafricana omicron

    La nuova variante omicron è ancora oggetto di studio

    Ancora è presto per affermare la trasmissibilità e l’effettiva pericolosità della nuova variante covid, nota come omicron. In un paio di settimane si avranno maggiori notizie. Ad oggi, non è chiaro nemmeno se questa variante sia più trasmissibile della Delta. La stessa Pfizer ha assciurato che in due settimane sapremo se il vaccino tuteli contro la nuova variante sudafricana. Secondo una virologa dell’Università del Witwatersrand a Johannesburg, ciò che preoccupa maggiormente è il tasso di reinfezione e di infezione (nonostante il vaccino) che ha la nuova variante covid “omicron”. La dottoressa in un’intervista su Nature ricorda che i vaccini utilizzati in Sudafrica sono quelli di Johnson&Johnson, Pfizer-BioNtech o Oxford-AstraZeneca. Tuttavia “in questa fase è troppo presto per dire qualcosa”.

    L’infettivologo Richard Lessells, dell’Università di KwaZulu-Natal a Durban ha spiegato: “Ci sono molte cose che non capiamo di questa variante”. “Il profilo della mutazione preoccupa, ma ora dobbiamo lavorare per capire le caratteristiche di questa variante in relazione all’andamento della pandemia”. Le prime informazioni sulla nuova variante covid B.1.1.529 sono arrivate grazie alle sequenze genetiche ottenute in Botswana.

    Leggi anche: L’origine della pandemia da COVID-19: un nuovo studio rivela il ruolo di un mercato di Wuhan

    L’articolo Covid: nuova variante sudafricana “omicron” raggiunge l’Europa sembra essere il primo su Biomed CuE | Close-up Engineering.

    Share

    NEL MONDO
    370,604,504
    Casi totali confermati
    Updated on 29 January 2022 09:02
    All countries
    5,668,505
    Morti totali
    Updated on 29 January 2022 09:02

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    10,683,948
    Casi totali confermati
    Updated on 29 January 2022 09:02
    Italy
    7,869,583
    Guariti totali
    Updated on 29 January 2022 09:02
    Italy
    2,668,828
    Attuali positivi totali
    Updated on 29 January 2022 09:02
    Italy
    145,537
    Morti totali
    Updated on 29 January 2022 09:02

    Ultimi articoli

    Cure e vaccini

    Articoli correlati

    Il racconto di una sensazionale scoperta fisica tra passeggiate e foreste innevate

    Sabato 17 dicembre 1938, Berlino, Istituto Kaiser Wilhelm per la Chimica. Mentre fuori fervono...

    STAR: il robot che ha eseguito il primo intervento in autonomia

    La chirurgia robotica è ormai una pratica piuttosto diffusa e sicuramente affidabile. Grazie al...

    I principi delle 3R: verso una sperimentazione animale più responsabile

    Senza dubbio, l’utilizzo degli animali per le sperimentazioni scientifiche permette di ottenere risultati importanti....

    Magnesio: rafforza il sistema immunitario e aiuta nella lotta contro il cancro

    Il magnesio è un minerale importante per il nostro organismo e per il corretto...