Altro

    L’origine della pandemia da COVID-19: un nuovo studio rivela il ruolo di un mercato di Wuhan

    Lo scienziato ha ricostruito una catena di contagi e ricoveri da dicembre 2019 all’inizio di gennaio 2020 per spiegare l’origine della pandemia da COVID-19 e ha scoperto che 10 dei 19 primi casi erano collegati al mercato di Huanan.

    Il virologo nell’introduzione dello studio spiega che è chiaro che i mammiferi vivi e suscettibili ai coronavirus, compresi cani procioni, sono stati venduti al mercato di Huanan e ad altri tre mercati di animali vivi a Wuhan prima della pandemia. 

    All’inizio non era chiaro se l’apparente preponderanza della malattia (successivamente chiamata COVID-19) in alcuni pazienti ospedalizzati e associati a questo mercato riflettesse veramente l’epidemia iniziale.

    L’origine della pandemia: il 66% dei pazienti aveva un collegamento con il mercato di Huanan

    Il 30 dicembre 2019, la Commissione sanitaria municipale di Wuhan (WHC) ha emesso due avvisi di emergenza dopo aver appreso la presenza negli ospedali di pazienti con polmonite inspiegabile, molti dei quali lavoravano al mercato di Huanan, e definendo un piano di trattamento e risposta.

    Il primo rapporto pubblico ufficiale è stato l’annuncio del WHC il giorno successivo, dopo aver effettuato ricerche di casi e indagini retrospettive relative al mercato di Huanan e aver trovato 27 pazienti.

    Quarantuno dei primi pazienti noti hanno costituito la base di uno studio influente che ha riportato che il 66% aveva un collegamento con il mercato di Huanan. Erano stati trasferiti tra il 29 dicembre e il 2 gennaio da altri ospedali al Jinyintan Hospital, il principale centro di malattie infettive di Wuhan.

    In Cina, in seguito alla SARS, è stato istituito un sistema di segnalazione precoce per rilevare malattie virali sconosciute supervisionato dal Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie (CCDC). I casi dovrebbero essere segnalati rapidamente dai medici al sistema nazionale di segnalazione ma, evidentemente, ciò non è accaduto a Wuhan a dicembre. Il sistema sembra essere stato in uso attivo solo dal 3 gennaio.

    L’origine della pandemia: Il primo ospedale ad allertare le autorità sanitarie

    Sebbene non sia citato per nome nelle pubblicazioni scientifiche, i resoconti dei media rivelano che l’Hubei Provincial Hospital of Integrated Chinese and Western Medicine (HPHICWM) è stato il primo ospedale ad allertare le autorità sanitarie pubbliche distrettuali, municipali e provinciali sui misteriosi casi di polmonite.

    Ospedale covid-19

    Zhang Jixian, direttore del reparto di medicina respiratoria e terapia intensiva, ha notato il 27 dicembre che una coppia di anziani aveva grandi opacità “a vetro smerigliato” nelle immagini della tomografia computerizzata (TC) dei loro polmoni, distinte da quelle che aveva visto in altri casi di polmonite virale. Su richiesta del medico, anche il figlio della coppia è stato sottoposto ad indagine clinica e anch’esso presentava le stesse lesioni insolite riscontrate nei genitori.

    Il marito e la moglie sono il primo gruppo di casi noto e riconosciuto dall’OMS e l’unico gruppo ammesso entro il 26 dicembre. Non avevano alcun collegamento noto con il mercato di Huanan.

    L’origine della pandemia: le evidenze cliniche nei pazienti

    Un altro paziente con immagini TC simili, un lavoratore del mercato di Huanan, è stato ricoverato il 27 dicembre. Zhang, preoccupato per una nuova malattia virale probabilmente infettiva, ha segnalato i quattro casi ai funzionari dell’ospedale, che hanno allertato il CDC del distretto di Jianghan lo stesso giorno.

    Tra il 28 e il 29 dicembre, altri tre pazienti, che lavoravano tutti al mercato di Huanan, sono stati ricoverati e riconosciuti affetti dalla stessa malattia respiratoria sconosciuta. Un vicepresidente dell’Hubei Provincial Hospital of Integrated Chinese and Western Medicine (HPHICWM) , Xia Wenguang, ha riunito 10 esperti dell’ospedale, incluso Zhang, per una riunione di emergenza il 29 dicembre, e hanno concluso che la situazione era straordinaria.

    Dopo aver appreso di pazienti simili, anch’essi collegati al mercato di Huanan, negli ospedali Tongji e Union (Xiehe), Xia ha allertato i CDC di Wuhan e Hubei il 29 dicembre.

    L’origine della pandemia: l’ospedale centrale di Wuhan

    Una situazione notevolmente simile si è verificata all’ospedale centrale di Wuhan. Il 18 dicembre, Ai Fen, direttrice del pronto soccorso, ha incontrato il suo primo paziente affetto da polmonite inspiegabile, un uomo di 65 anni che si era ammalato il 13 o il 15 dicembre. All’insaputa di Ai in quel momento, il paziente era un fattorino al mercato di Huanan. Una TAC ha rivelato un’infezione in entrambi i polmoni e il paziente non rispondeva agli antibiotici o ai farmaci antinfluenzali.

    Il 24 dicembre, un campione di lavaggio broncoalveolare raccolto da lui è stato inviato a Vision Medicals, una società di sequenziamento metagenomico.

    Covid-19

    La società ha identificato un nuovo SARS-CoV il 26 dicembre e ha trasmesso la scoperta per telefono all’ospedale il 27 dicembre. Entro il 28 dicembre, l’ospedale centrale di Wuhan aveva identificato sette casi, di cui quattro si sono rivelati collegati al mercato di Huanan.

    L’ospedale Zhongnan

    All’ospedale Zhongnan nel distretto di Wuchang di Wuhan, a 15 km dal mercato di Huanan e sulla sponda opposta del fiume Yangtze, il 31 dicembre il vicepresidente Yuan Yufeng ha chiesto alle unità di cercare casi di polmonite inspiegabili e il dipartimento di medicina respiratoria ne ha segnalati due. Il primo viveva nel distretto di Wuchang ma lavorava al mercato di Huanan (nel distretto di Jianghan). Il secondo non lavorava al mercato di Huanan ma aveva amici che lo facevano e che avevano visitato la sua casa. Il 3 gennaio sono stati identificati altri tre casi: un gruppo familiare non collegato al mercato di Huanan.

    Mercato cina

    Chiaramente, gli ospedali nelle prime settimane dell’epidemia stavano identificando casi con e senza una connessione nota al mercato di Huanan. Pertanto, 10 dei 19 primi casi di COVID-19 di questi ospedali erano collegati al mercato di Huanan (~ 53%), paragonabili sia al 66% di Jinyintan (di 41 casi) che al 33% di 168 del rapporto OMS-Cina.  

    L'origine della pandemia

    Se la fonte era il mercato di Huanan, perché solo da uno a due terzi dei primi casi erano collegati al mercato?

     Forse una domanda migliore è: perché ci si dovrebbe aspettare che tutti i casi accertati a settimane dall’inizio dell’epidemia siano confinati a un mercato? Data l’elevata trasmissibilità di SARS-CoV-2 e l’alto tasso di diffusione asintomatica, molti casi sintomatici sarebbero inevitabilmente presto privi di un collegamento diretto con il luogo di origine della pandemia. E alcuni casi contati come “non collegati” potrebbero essere stati solo una o due trasmissioni di distanza, come esemplificato dal secondo paziente identificato all’ospedale di Zhongnan. 

    Tanti pazienti dei >100 casi di COVID-19 di dicembre 2019 non avevano alcun legame epidemiologico identificato con il mercato di Huanan, tuttavia molti di loro vivevano nelle sue immediate vicinanze. Ció fornisce prove convincenti che la trasmissione comunitaria è iniziata al mercato.

    Inoltre, non ci si dovrebbe necessariamente aspettare che i primi casi noti siano i primi infetti o collegati al mercato di Huanan: probabilmente hanno postdatato il caso zero dell’epidemia di un periodo considerevole perché solo il 7% circa delle infezioni da SARS-CoV-2 porta a ricovero; la maggior parte passa inosservata.  Il caso zero era molto probabilmente uno del ~93% che non ha mai richiesto il ricovero in ospedale e in effetti avrebbe potuto essere una delle centinaia di lavoratori che hanno avuto anche un breve contatto con mammiferi vivi infetti.

    L’origine della pandemia: dal ragioniere alla commerciante

    Fondamentale, tuttavia, l’ormai famoso “primo” caso di COVID-19, un ragioniere di 41 anni, che viveva a 30 km a sud del mercato di Huanan e non aveva alcun collegamento con esso. Quando è stato intervistato, ha riferito che i suoi sintomi di COVID-19 sono iniziati con la febbre il 16 dicembre, ben dopo l’8 Dicembre; la malattia dell’8 Dicembre era infatti un problema dentale legato ai denti da latte conservati fino all’età adulta.

    Ciò è confermato dai registri ospedalieri e da un documento scientifico che riporta come data di insorgenza del COVID-19 il 16 dicembre e la data di ricovero il 22 dicembre. Ciò indica che è stato infettato dopo che il virus aveva iniziato a diffondersi dal mercato di Huanan. Credeva di essere stato infettato in ospedale (presumibilmente durante la sua emergenza odontoiatrica) o in metropolitana durante il suo tragitto giornaliero; aveva anche viaggiato a nord del mercato di Huanan poco prima che iniziassero i suoi sintomi.

    Il suo esordio dei sintomi è arrivato dopo più casi nei lavoratori del mercato di Huanan, rendendo una venditrice di frutti di mare il primo caso noto, con insorgenza della malattia l’11 dicembre.

    Mercato animali vivi

    I mammiferi raccolti al mercato di Huanan non sono mai stati sottoposti a screening per virus correlati a SARS-CoV-2

    Con la SARS, i mercati di animali vivi hanno continuato a vendere animali infetti per molti mesi, consentendo di stabilire lo spillover zoonotico come origine e rivelando molteplici salti indipendenti dagli animali all’uomo. Sfortunatamente, nessun mammifero vivo raccolto al mercato di Huanan o in qualsiasi altro mercato di animali vivi a Wuhan è stato sottoposto a screening per virus correlati a SARS-CoV-2 e il mercato di Huanan è stato chiuso e disinfettato il 1 gennaio 2020.

    Tuttavia, la maggior parte i primi casi sintomatici sono stati collegati al mercato di Huanan, in particolare alla sezione occidentale dove i cani procioni sono stati ingabbiati– ció fornisce una forte evidenza di un’origine della pandemia da parte del mercato di animali vivi.

    Ciò spiegherebbe la straordinaria preponderanza dei primi casi di COVID-19 in uno dei pochi siti di Wuhan – popolazione 11 milioni – che vendono alcuni degli stessi animali che ci hanno portato la SARS.

    Sebbene potrebbe non essere mai possibile recuperare virus correlati dagli animali se non sono stati campionati al momento dell’emergenza, la prova conclusiva di un’origine del mercato Huanan dalla fauna selvatica infetta può comunque essere ottenuta attraverso l’analisi dei modelli spaziali dei primi casi e da ulteriori dati genomici , compresi i campioni positivi per SARS-CoV-2 dal mercato di Huanan, nonché attraverso l’integrazione di ulteriori dati epidemiologici. La prevenzione di future pandemie dipende da questo sforzo.

    L’articolo L’origine della pandemia da COVID-19: un nuovo studio rivela il ruolo di un mercato di Wuhan sembra essere il primo su Biomed CuE | Close-up Engineering.

    Share

    NEL MONDO
    262,346,000
    Casi totali confermati
    Updated on 30 November 2021 03:42
    All countries
    5,224,116
    Morti totali
    Updated on 30 November 2021 03:42

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    5,015,790
    Casi totali confermati
    Updated on 30 November 2021 03:42
    Italy
    4,692,408
    Guariti totali
    Updated on 30 November 2021 03:42
    Italy
    189,643
    Attuali positivi totali
    Updated on 30 November 2021 03:42
    Italy
    133,739
    Morti totali
    Updated on 30 November 2021 03:42

    Ultimi articoli

    Cure e vaccini

    Articoli correlati

    Cosa sappiamo della congettura di Riemann dopo 150 anni?

    Un fisico italiano e uno statunitense, dopo ben 150 anni, sono stati in grado...

    Fenomeni meteorologici estremi nel Mar Mediterraneo e in Italia

    In quest’ultimo anno, si sono verificati molteplici fenomeni meteorologici estremi al largo delle coste...

    Covid: nuova variante sudafricana “omicron” raggiunge l’Europa

    La pandemia da covid non si ferma, il Ministro della salute, Roberto Speranza, “Stop...

    Lo schiocco di dita di Thanos è fisicamente impossibile, anche nel MCU

    Questo articolo contiene spoiler! Quando si parla di supereroi sembra ridicolo parlare anche di...