Altro

    Analisi quarta ondata pandemia di Covid-19

    Analisi quarta ondata di Covid-19 – In questo grafico si possono osservare due serie di dati. La prima, colorata in blu, rappresenta il rapporto tra i nuovi casi di contagio giornalieri e il numero totale di tamponi giornalieri. La seconda, colorata in arancione, rappresenta il rapporto tra i nuovi casi di contagio giornalieri e il numero totale delle persone testate. L’area evidenziata in rosso è la differenza tra le due serie di dati. 

    Quarta ondata di Covid-19 oggi Italia e mondo. Le notizie sul coronavirus in tempo reale da tutto il mondo con i dati aggiornati ogni ora.

    Considerando il dato più recente, ovvero quello di ieri 03/01/2022, si possono notare i seguenti dati, approssimati alla seconda cifra decimale:

    – Nuovi Casi / Tamponi Totali = 15,28 %

    – Nuovi Casi / Persone Testate = 76,26 %

    Per entrare più nel dettaglio, possiamo notare che ogni persona testata ha effettuato, mediamente, un numero di tamponi pari a:

    – Tamponi / Persona = 445.321/89.232 = 4,99 ≈ 5

    Allora mi chiedo: che senso ha comunicare sui media la percentuale “Nuovi Casi / Tamponi Totali” (che da ora in poi chiamerò %_1) invece che quella “Nuovi Casi / Persone Testate” (che da ora in poi chiamerò %_2)? Per come la vedo io, la prima non rappresenta correttamente la realtà, cosa che invece fa la seconda.

    Analisi quarta ondata: un esempio esplicativo

    Faccio un esempio più semplice e pratico. In un giorno “x” vengono effettuati 10 tamponi e risultano 1 tampone positivo e 9 tamponi negativi, allora avremo %_1 = 10 %. Ma se, come avviene in realtà, le persone effettivamente testate con questi 10 tamponi sono 2 (Topo e Gigio), rispettando quindi il rapporto di 1/5 calcolato in precedenza, allora avremmo individuato 1 persona positiva su 2 (Topo positivo e Gigio no), ovvero %_2 = 50%.

    Si capisce bene come le due cose siano ben diverse e che, a mio modesto parere, la percentuale che rappresenta meglio la realtà e che andrebbe comunicata e tenuta in considerazione è la %_2.

    Giusto per completezza, voglio dire che questo delta tra i due dati poteva anche essere trascurato nei mesi precedenti (all’incirca fino a novembre) perché molto basso. Mentre, nella situazione attuale in cui molti fanno vari tamponi per diversi motivi (falsi negativi, riunioni di famiglia ecc…), questo delta rischia di falsare totalmente quella che è la rappresentazione della situazione attuale, relativamente a questo tipo di dato.

    Analisti e grafico a cura del Dott. Angelo Falcone su dati Dipartimento Protezione Civile

    Share

    NEL MONDO
    370,601,326
    Casi totali confermati
    Updated on 29 January 2022 08:01
    All countries
    5,668,499
    Morti totali
    Updated on 29 January 2022 08:01

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    10,683,948
    Casi totali confermati
    Updated on 29 January 2022 08:01
    Italy
    7,869,583
    Guariti totali
    Updated on 29 January 2022 08:01
    Italy
    2,668,828
    Attuali positivi totali
    Updated on 29 January 2022 08:01
    Italy
    145,537
    Morti totali
    Updated on 29 January 2022 08:01

    Ultimi articoli

    Cure e vaccini

    Articoli correlati

    Il racconto di una sensazionale scoperta fisica tra passeggiate e foreste innevate

    Sabato 17 dicembre 1938, Berlino, Istituto Kaiser Wilhelm per la Chimica. Mentre fuori fervono...

    STAR: il robot che ha eseguito il primo intervento in autonomia

    La chirurgia robotica è ormai una pratica piuttosto diffusa e sicuramente affidabile. Grazie al...

    I principi delle 3R: verso una sperimentazione animale più responsabile

    Senza dubbio, l’utilizzo degli animali per le sperimentazioni scientifiche permette di ottenere risultati importanti....

    Magnesio: rafforza il sistema immunitario e aiuta nella lotta contro il cancro

    Il magnesio è un minerale importante per il nostro organismo e per il corretto...