Altro

    Rinvenuto fossile di “drago marino”, ittiosauro di 180 milioni di anni fa

    Rinvenuto fossile di “drago marino”, ittiosauro di 180 milioni di anni fa. Credits: Bob Nicholls

    Mentre lavorava nella Riserva Naturale di Rutland, a circa 120 chilometri a nord di Londra, il paesaggista Joe Davis ha notato qualcosa. Era uscito per drenare una laguna nel sito, parte del suo lavoro come capo del gruppo di conservazione presso la riserva, quando ha notato qualcosa che sporgevano dal terreno. In un primo momento, quelle sporgenze che aveva identificato, sembravano rocce o tubi di argilla che spuntavano dal fango. Ma dopo un’attenta occhiata più da vicino, Davis ha realizzato la natura di quelle protuberanze: erano vertebre. È stato Joe Davis a trovare per primo quello che poi si è rivelato essere un fossile di 10 metri di “drago marino”, un ittiosauro vissuto 180 milioni di anni fa.

    L’incredibile scoperta del fossile di ittiosauro, un enorme “drago marino”

    Rinvenuto fossile di “drago marino”, ittiosauro di 180 milioni di anni fa. Credits: Anglian Water
    Un enorme fossile di “drago marino” rinvenuto in Inghilterra è uno degli ittiosauri più completi mai rinvenuti. Credits: Anglian Water

    Nel febbraio 2021, Joe Davis stava lavorando nella Riserva Naturale di Rutland quando ha notato alcune grandi ossa fossilizzate che sporgevano dal terreno. All’inizio sembrava che fossero parti di un enorme dinosauro. Ma quando il paleontologo dell’Università di Manchester Dean Lomax ha ricevuto un’e-mail con le foto del ritrovamento, ha immediatamente capito che Davis aveva trovato un enorme rettile marino chiamato ittiosauro. Fin dall’inizio, dice Lomax, era evidente che la scoperta di Rutland potesse essere qualcosa di molto speciale.

    In una dichiarazione, Davis ha detto che all’inizio pensava che i resti fossero tubi di argilla che spuntavano dal fango, tranne per il fatto che “sembravano organici”. Poi ha detto a un collega che sembravano delle vertebre e quando si sono avvicinati hanno visto “quella che indiscutibilmente sembrava una spina dorsale” e un osso mascellare all’estremità della colonna vertebrale. “Non potevamo crederci”, ha continuato Davis. “La scoperta è stata assolutamente affascinante e un vero momento clou della carriera. È fantastico imparare così tanto dalla scoperta e pensare che questa straordinaria creatura una volta nuotava nei mari sopra di noi”.

    Il “drago marino”: le dimensioni del fossile di ittiosauro

    Rinvenuto fossile di “drago marino”, ittiosauro di 180 milioni di anni fa. Credits: Anglian Water
    Scheletro di ittiosauro trovato nella Riserva Naturale di Rutland nell’Inghilterra centrale. Credits: Anglian Water

    Gli ittiosauri coesistevano con i dinosauri, ma questi rettili marini erano creature completamente diverse. Si sono evoluti dai rettili terrestri durante il periodo Triassico, oltre 246 milioni di anni fa. Gli ittiosauri sono diventati più snelli e simili a pesci nel tempo e diverse specie hanno solcato i mari fino a circa 95 milioni di anni fa. Molti ittiosauri erano di dimensioni paragonabili agli squali odierni, mangiavano pesce, calamari e altre piccole prede. Alcuni erano predatori apicali in grado di divorare altri grandi rettili marini.

    Fino ad ora, i più grandi ittiosauri registrati sono stati del Triassico, tra 250 e 201 milioni di anni fa. Ma il fossile di Rutland è geologicamente più giovane, datato circa 180 milioni di anni fa, e non c’è dubbio che questo animale fosse un gigante. “Trovare un esemplare di queste dimensioni e completezza è straordinario”, afferma la paleontologa dell’Università di Liegi Rebecca Bennion, che non è stata coinvolta nello scavo. Infatti, il cranio da solo è lungo quasi 2 metri e l’intero corpo si estende per più di 9 metri, dimensioni paragonabili a quelle di una moderna balenottera minore.

    “È il più completo e più grande di qualsiasi scheletro di dinosauro mai trovato qui, quindi è un mega ritrovamento per così tante ragioni”, ha detto il paleontologo Dean Lomax, che ha guidato lo scavo. “Durante questo periodo, sarebbe stato in cima alla catena alimentare. È un predatore all’apice definitivo, forse uno dei più grandi animali marini del mondo“.

    Ittiosauro: delfino preistorico o enorme carnivoro?

    L’enorme e fragile scheletro è stato poi accuratamente riportato alla luce in una complessa operazione avvenuta nel corso di due settimane tra agosto e settembre 2021 da un team di paleontologi. Il fossile è stato poi avvolto in stecche di legno rivestite di gesso per proteggerlo. Allo stato attuale, si ipotizza che il fossile del “drago marino” di Rutland rappresenti un ittiosauro chiamato Temnodontosaurus trigonodon, una specie nota principalmente da ossa isolate trovate nelle rocce giurassiche della Germania. Nella prima parte del Giurassico, circa 180 milioni di anni fa, questi rettili erano i più grandi predatori marini del pianeta, dice Lomax.

    Sebbene questi animali siano sempre stati raffigurati come delle specie di delfini, mangiatori di calamari, sta iniziando a venir fuori il loro profilo da enormi carnivori. Infatti, altri fossili di ittiosauro indicano che le specie più grandi potrebbero essersi nutrite dei loro simili rettili marini, come i plesiosauri dal collo lungo e forse altri ittiosauri.

    Un altro ittiosauro potrebbe anche aver provato a fare un pasto proprio con lo scheletro di Rutland. Gli scavatori, infatti, hanno trovato diversi denti isolati di Temnodontosaurus attorno allo scheletro. “Un grande dente è stato trovato vicino al punto in cui sembra essere stata tirata parte della coda”, dice Lomax, suggerendo che un altro ittiosauro è arrivato prima della sepoltura per rovistare sulla carcassa.

    Questo fossile di “drago marino” aiuterà i paleontologi a colmare le lacune della storia evoluzionistica dell’ittiosauro

    Rinvenuto fossile di “drago marino”, ittiosauro di 180 milioni di anni fa. Credits: Matthew Power/Anglian Water
    I resti del fossile di ittiosauro, che si stima abbia circa 180 milioni di anni. Credits: Matthew Power/Anglian Water

    “Questi animali sono apparsi per la prima volta in un periodo chiamato Triassico circa 250 milioni di anni fa”, ha detto Lomax in un video per la Rutland Water Nature Reserve. “Il nostro esemplare, il Rutland Ichthyosaur, o il Rutland Sea Dragon, è il più grande ittiosauro completo mai trovato in Gran Bretagna in oltre 200 anni di raccolta scientifica di queste cose, il che è un’impresa incredibile”. Sebbene il più grande, questo non è stato il primo fossile di ittiosauro trovato nel bacino. Il Wildlife Trust, organizzazione che si occupa di oltre 2.300 riserve naturali, ha affermato che due resti incompleti e “molto più piccoli” sono stati trovati negli anni ’70, quando il bacino è stato costruito per la prima volta. Lomax ha aggiunto che fossili di ittiosauro più grandi sono stati trovati al di fuori del Regno Unito, incluso in Canada, sebbene resti di queste grandi dimensioni siano rari.

    Oltre che per le sue dimensioni, il ritrovamento di questo fossile di “drago marino” è notevole anche perché scoperto al di fuori delle aree delle coste meridionali dell’Inghilterra e dello Yorkshire dove in precedenza sono stati trovati altri resti di ittiosauro. Al contrario, questo fossile è stato scoperto in una contea senza sbocco sul mare a circa 120 km a nord di Londra, ma questo si spiega se si considera che 200 milioni di anni fa la regione era interamente coperta dall’acqua, a causa dei livelli oceanici.

    Lomax ha detto che spera che questo fossile completo aiuterà i paleontologi a colmare le lacune evoluzionistiche insieme agli altri frammenti fossili di ittiosauro incompleti che sono stati scoperti in Gran Bretagna. I resti sono ora nel laboratorio del conservatore paleontologico Nigel Larkin, dove verranno puliti, conservati e preparati. L’ittiosauro sarà pronto per essere esposto nei prossimi 18-24 mesi.

    Rinvenuto fossile di “drago marino”, ittiosauro di 180 milioni di anni fa

    Share

    NEL MONDO
    548,935,393
    Casi totali confermati
    Updated on 27 June 2022 03:32
    All countries
    6,350,765
    Morti totali
    Updated on 27 June 2022 03:32

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    18,234,242
    Casi totali confermati
    Updated on 27 June 2022 03:32
    Italy
    17,332,700
    Guariti totali
    Updated on 27 June 2022 03:32
    Italy
    733,440
    Attuali positivi totali
    Updated on 27 June 2022 03:32
    Italy
    168,102
    Morti totali
    Updated on 27 June 2022 03:32

    Ultimi articoli

    Cure e vaccini

    Articoli correlati

    Perché David Beckham decise di giocare con il 23 al Real Madrid?

    Quando David Beckham passò al Real Madrid, nel 2003, vennero avanzate svariate ipotesi sul...

    Perché stridono le unghie trascinate con rapidità su una lavagna?

    Perché alcune porte cigolano se aperte lentamente? Perché stridono le unghie trascinate con rapidità...

    Eco Endoscopia Digestiva: tecnica diagnostica, interventistica e terapeutica

    Oggi l’esame endoscopico rappresenta una procedura medica, molto nota ed ampiamente impiegata nel corso...

    Far crollare un ponte camminando: il fenomeno della risonanza spiegato

    Era il 12 aprile 1831, quando un gruppo di 74 soldati britannici tornando da...