Altro

    Chirurgia bariatrica: utilizzo di una clip innovativa per ridurre lo stomaco

    Per la prima volta in Liguria, presso l’ Istituto Clinico Ligure di Alta Specialità (ICLAS), è stato realizzato il primo intervento di B-Clamp. Si tratta di una “gastroplastica verticale” che prevede l’inserimento di una clip che permette di dividere lo stomaco in due parti e restringerlo.  

    L’intervento viene considerato come uno fra le tecniche più innovative di chirurgia bariatrica mininvasiva: viene effettuato in laparoscopia e permette di evitare asportazioni, suture, bypass gastrici o intestinali o regolazioni successive del dispositivo (come avveniva per il bendaggio gastrico). 

    Cos’è la chirurgia bariatrica?

    La chirurgia bariatrica è un trattamento chirurgico che viene realizzato esclusivamente su pazienti affetti da grave obesità. Questo tipo di intervento comprende diverse procedure che hanno come obbiettivo primario quello di andare a diminuire il volume dello stomaco affinché il paziente presenti una riduzione del senso di fame e una maggiore sazietà. Questo trattamento quindi permette al paziente di perdere nel tempo molto peso, soprattutto se seguito in maniera costante.

    Prima dell’intervento, il paziente è valutato contemporaneamente da un’équipe specializzata e multidisciplinare composta da differenti figure professionali, come chirurghi, endocrinologi, dietisti, psicologi, che lo seguono anche durante i controlli post-chirurgici. 

    Chirurgia bariatrica: utilizzo di una clip innovativa per ridurre lo stomaco

    Riduzione dello stomaco tramite l’utilizzo di una clip innovativa

    L’operazione di gastroplastica verticale, effettuata presso l’ Istituto Clinico Ligure di Alta Specialità (ICLAS), è stata realizzata utilizzando una clip innovativa, ovvero il B-Clamp. Si tratta di una clip in titanio rivestita di silicone medicale, che viene impiantata per via laparoscopica e posizionata verticalmente intorno allo stomaco, parallelamente alla piccola curvatura dello stomaco, affinché possa essere separato in due parti:

    • un segmento ristretto, attraverso il quel passa il cibo
    • un segmento gastrico laterale più grande, che viene escluso

    La pressione che viene esercitata dal dispositivo impedisce il passaggio degli alimenti, riducendo così la quantità di cibo che può essere introdotta. I vantaggi per il paziente sono:

    • il recupero post operatorio è abbastanza immediato.
    • il materiale della clip permette di effettuare senza problemi esami radiologici (RX) e non crea aderenze nella zona applicata consentendo una sua eventuale rimozione e funzionalità dello stomaco alle condizioni precedenti l’intervento.
    • l’impianto per via laparoscopica rende questo dispositivo medico un eccellente sostituto alle procedure di sleeve gastrectomy eliminando completamente le problematiche legate a questo tipo di intervento.
    Chirurgia bariatrica: utilizzo di una clip innovativa per ridurre lo stomaco

    Questo tipo di intervento potrebbe aiutante tantissime persone. L’obesità infatti è una “malattia” estremamente diffusa: basti pensare che solo in Italia sono circa 6 milioni le persone obese. Inoltre, secondo i dati dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), il numero di persone con obesità è triplicato a partire dagli anni ‘70, soprattutto dei paesi più sviluppati. 

    Tuttavia, solo l’1% di tutte le persone obese che necessitano di un intervento bariatrico si rivolgono ad uno specialista. Questo perché molto spesso il problema viene sottovalutato e l’intervento viene considerato come una soluzione estrema. A questo va aggiunta anche l’emergenza Covid: essa, oltre che a causare un ritardato nelle cure, ha procurato anche un aumento delle problematiche generate in pazienti già interessati dall’obesità, come stress, mancanza di attività fisica e scarsa attenzione a abitudini alimentari sane. 

    Chi può accedere all’intervento?

    I requisiti richiesti per accedere a questo tipo di intervento sono gli stessi previsti per la chirurgia bariatrica maggiore e variano anche in base all’Indice di massa corporea BMI) del soggetto e se quest’ultimo presenta anche altre patologie (es. diabete). In linea generale, possono accedere all’intervento i pazienti con:

    • BMI maggiore di 40
    • BMI maggiore di 35 e comorbidità
    • BMI maggiore di 30 se affetti da diabete

    Il percorso riabilitativo

    Il percorso riabilitativo pre e post operatorio proposto dagli specialisti ICLAS prevede inoltre un “percorso nutrizionale”. Il paziente infatti viene seguito anche dal punto di vista alimentare, attraverso un vero e proprio “svezzamento”: si parte da una dieta a base di liquidi fino ad arrivare, con il passare del tempo , ad una dieta solida. La fase di dieta liquida post intervento presenta una durata di circa 2-3 settimane e il passaggio alle fasi successive varia in base alle condizioni e alle esigenze del singolo paziente.

    Di grande importanza sono anche i controlli follow-up che vengono realizzati durante il primo anno post intervento, come il controllo dietologico, dietistico, chirurgico e in alcuni casi psicologico-motivazionale. Questi controlli periodici permettono di monitorare lo stato di salute del paziente e di fare in modo che quest’ultimo non vada a recuperare i chili persi nel corso tempo. 

    L’articolo Chirurgia bariatrica: utilizzo di una clip innovativa per ridurre lo stomaco è stato scritto su: Biomed CuE | Close-up Engineering.

    Share

    NEL MONDO
    531,048,088
    Casi totali confermati
    Updated on 28 May 2022 11:42
    All countries
    6,309,957
    Morti totali
    Updated on 28 May 2022 11:42

    GUARDA TUTTI I DATI

    ITALIA

    Italy
    17,355,119
    Casi totali confermati
    Updated on 28 May 2022 11:42
    Italy
    16,449,697
    Guariti totali
    Updated on 28 May 2022 11:42
    Italy
    738,946
    Attuali positivi totali
    Updated on 28 May 2022 11:42
    Italy
    166,476
    Morti totali
    Updated on 28 May 2022 11:42

    Ultimi articoli

    Cure e vaccini

    Articoli correlati

    Artrite: come riconoscerla?

    L’artrite è una malattia autoimmune che genera la distruzione della cartilagine a livello articolare,...

    Osteoporosi: un ormone naturale potrebbe offrirne un miglior trattamento

    L’osteoporosi è caratterizzata dal deterioramento del tessuto osseo con conseguente debolezza delle ossa e...

    Pomodoro “biofortificato”: un nuovo aiuto contro la carenza di vitamina D

    La vitamina D è estremamente importante per il nostro organismo: è essenziale per l’omeostasi...

    Scoperti biomarcatori che potrebbero prevedere il diabete gestazionale

    Il diabete gestazionale è una patologia caratterizzata da un’alterazione della regolazione del glucosio, che viene diagnosticata...